La visita del presidente USA a Draghi

Dopo il colloquio con Mattarella, il capo di Stato americano si è recato a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio italiano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34

Il presidente americano Joe Biden è arrivato a Palazzo Chigi per un colloquio bilaterale con il premier Mario Draghi a margine del G20. I due leader sono accompagnati dalle first lady, Jill Biden e Serena Draghi, che hanno in programma un incontro per un tè. Il picchetto d’onore dei Lancieri di Montebello, nel cortile del palazzo del governo, accoglierà gli ospiti con gli inni nazionali. Al termine dell’incontro non sono previste dichiarazioni alla stampa.

Il colloquio

Mario Draghi e Joe Biden “si è incentrato sull’eccellente cooperazione fra la presidenza italiana del G20 e gli Usa nella gestione delle più importanti sfide globali: la lotta alla pandemia, il contrasto ai cambiamenti climatici, il rilancio dell’economia, il rafforzamento del sistema multilaterale basato sulle regole”.

Nel corso tra Mario Draghi e Joe Biden “sono state discusse le relazioni bilaterali, con particolare riferimento alle opportunità offerte dai rispettivi piani di ripresa economica“, “la solidità del legame transatlantico, e l’utilità dello sviluppo della difesa europea anche per la sicurezza transatlantica, in un rapporto di complementarietà”.

“Stai facendo un lavoro straordinario qui”, ha detto il presidente americano Joe Biden al premier italiano Mario Draghi, a quanto riferiscono fonti italiane. “Abbiamo bisogno di mostrare che le democrazie possono funzionare e che possiamo produrre un nuovo modello economico”.

“Grazie per il tuo sostegno alla nostra presidenza del G20 e la tua determinazione nell’affrontare la transizione ecologica“, ha detto Draghi al presidente americano Biden.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.