Variante Omicron: due casi scoperti in Gb. Contagi sospetti in Germania

Sale la paura in Europa per i contagi con Omicron: due casi accertati in Inghilterra, uno sospetto in Germania e 61 persone in quarantena in Olanda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06

La variante Omicron inizia a spaventare seriamente l’Europa: alcuni degli Stati membri hanno chiuso le frontiere e il Sudafrica accusa i governi di aver “punito” il Paese che è stato il primo ad individuare la nuova variante.

Rilevati due casi in Inghilterra

Intanto, sono stati segnalati a Nottingham e a Chelmsford, nell’Essex, i primi due casi accertati di contagi con la variante Omicron. Lo ha reso noto il segretario alla salute Sajid Javid. I due casi, scoperti “la notte scorsa”, sono “collegati”, ed entrambi si stanno autoisolando insieme alle loro famiglie, mentre vengono effettuati ulteriori test. “Questo è un promemoria che la pandemia è tutt’altro che finita“, ha spiegato Javid, aggiungendo che sono in corso test mirati nelle aree dei due casi segnalati: nel Chelmsford, nord-est di Londra, e a Nottingham, nel centro dell’Inghilterra.

Un possibile caso in Germania

Paura anche in Germania, dove è stato trovato un possibile caso di contagio con Omicron. “La variante Omicron è già arrivata in Germania con grande probabilità”, ha twittato Kai Klose, ministro degli affari sociali nello stato occidentale dell’Assia, riferendosi al ceppo rilevato per la prima volta nell’Africa meridionale.

Olanda: 61 persone sotto controllo

Sessantuno persone arrivate ad Amsterdam dal Sudafrica sono risultate positive al Covid. Lo hanno fatto sapere le autorità olandesi. Si tratta di persone che erano a bordo di due voli provenienti dal Sudafrica. Altri 531 passeggeri sono invece risultati negativi. Tutti i positivi sono stati messi in quarantena in un hotel vicino all’aeroporto di Schiphol. Adesso le autorità stanno analizzando gli esami per capire se e quanti sono stati infettati con la variante Omicron.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.