V-Day, il giorno zero: l’Italia inizia una nuova fase della lotta al Covid

Via alle prime vaccinazioni all'ospedale Spallanzani di Roma. Vaccinati un'infermiera, un medico e un operatore sociosanitario: "Stiamo bene"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54
V-Day vaccino

Il primo camion carico di vaccini è approdato ieri. E oggi, come da programma, la campagna vaccinale è stata avviata. Il V-Day, data simbolica adottata dall’Europa e primo vero passo per il contrasto medico al Covid-19. Un tentativo di porre un argine alla pandemia e offrire ai cittadini la possibilità di riavvicinarsi a una normalità. Come previsto, le prime vaccinazioni sono avvenute su personale operativo: la professoressa Maria Rosaria Capobianchi, l’infermiera Claudia Alivernini e l’operatore sociosanitario Omar Altobelli. Tutti all’ospedale Spallanzani.

V-Day, “una scelta naturale”

Un’iniezione senza particolari sensazioni secondo i primi vaccinati. “Ho la consapevolezza che oggi sia un giorno importante e decisivo – ha detto l’infermiera Alivernini -. La scienza e la medicina sono le uniche cose che ci permetteranno di uscire da questo virus. Lo dico con il cuore vaccinatevi”. Stesso tenore per la dottoressa Capobianchi: “Mi sento benissimo. La scelta è stata una scelta abbastanza naturale. Mi sono offerta di essere vaccinata e sono stata scelta fra i primi come simbolo per dire di fidarsi e credere in questa scelta credo sia un esempio per gli altri operatori sanitari ma anche per tutta la popolazione”.

Il messaggio dei vaccinati

Un messaggio rivolto alla cittadinanza, soprattutto a coloro che hanno manifestato dubbi circa un vaccino testato in così breve tempo: “Dobbiamo fidarci della scienza, non possiamo tirarci fuori. Le scelte fatte sono ponderate e prese sulla base di valutazioni scientifiche”. La pensa così anche l’operatore sociosanitario Omar Altobelli: “Mi sento emozionato – ha detto a SkyTg24 – e benissimo fisicamente. Il vaccino l’ho fatto per tutelarmi perchè se sto bene io posso stare sicuro che anche chi mi è vicino sta bene. Speriamo di essere stati di esempio per tutti quanti”. E ancora: “Ora affrontare i pazienti Covid sarà diverso. Inizia oggi sicuramente un messaggio di speranza e fiducia nella scienza da oggi c’è il vaccino, si guarda al futuro in maniera molto più positiva, positiva in senso buono”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.