Usa, video mostra un afroamericano ucciso dalla polizia in Ohio

L'uomo sarebbe, che una volta lasciata l'auto scappava a piedi disarmato, sarebbe stato raggiunto da 60 colpi, secondo il legale della famiglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:13

L’uccisione da parte della polizia di un afroamericano, raggiunto da 60 colpi di arma da fuoco, potrebbe genere nuove proteste negli Stati Uniti d’America, come successe con la morte di George Floyd. Per questo il sindaco e la polizia di Akron, Ohio, hanno lanciato un appello alla calma in vista delle manifestazioni di protesta previste in città dopo la diffusione di un video shock che mostra l’omicidio del 25enne Jayland Walker, crivellato di colpi dopo un inseguimento, prima in auto e poi a piedi, nonostante fosse disarmato dopo essere uscito dalla macchina. Tutti gli agenti coinvolti sono stati sospesi in attesa dell’esito delle indagini.

La versione degli agenti

Secondo la versione della polizia, gli agenti avevano tentato di fermare l’auto del giovane per una non meglio precisata violazione stradale e dopo meno un minuto di inseguimento un colpo è sembrato partire dalla sua vettura. Dopo alcuni minuti, l’auto ha rallentato e Walker è uscito, indossando un passamontagna e scappando a piedi verso un parcheggio, dove si è udito un crescendo di spari. Nella sua auto è stata trovata una pistola e un caricatore pieno, mentre un bossolo compatibile con l’arma è stato recuperato nel punto dove gli agenti ritengono sia partito il colpo sentito durante l’inseguimento.

La famiglia

Secondo l‘avvocato dei famigliari della vittima, l’uomo è stato colpito 60 volte. La famiglia e il suo avvocato chiedono giustizia, domandandosi come mai la polizia abbia sparato tutti quei colpi contro un uomo disarmato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.