Usa, addio alla task force: sciolto il pool che indagava sul Covid

Il Wall Street Journal cita il direttore Sachs: scioglimento dovuto probabilmente alle connessioni con l'EcoHealth di Wuhan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:43
Usa task force Covid

Non è ancora chiaro quali saranno le conseguenze ma la task force americana che indagava sulle origini del Covid-19 è stata sciolta. Una rivelazione del Wall Street Journal, che cita il professor Jeffrey Sachs, della Columbia University. Sarebbe stato lui ad aver sciolto il pool di scienziati che si occupava di ricercare le eventuali cause scatenanti della pandemia da Covid-19. Al momento, sembra che vi sarà più che altro un reindirizzamento del campo della ricerca, portandola a una più ampia panoramica sulla biosicurezza. Il problema, secondo lo stesso Sachs, sarebbe legato ai legami fra la task force e l’ente no profit EcoHealth Alliance, con un passato in collaborazione con il Wuhan Institute of Virology. Il che, stando al docente, poteva provocare delle accuse su una ricerca di parte.

Task force, il caso della connessione con Wuhan

Un altro problema, sempre connesso all’istituto di Wuhan, risiedeva nei membri della commissione, alcuni dei quali avevano collaborato direttamente con gli scienziati dell’EcoHealth. In pratica, Sachs ha preferito non avere “una task force così esplicitamente coinvolta con uno dei principali problemi della ricerca sulle origini del virus, ovvero il ruolo dell’EcoHealth Alliance”. Resta il fatto che la commissione non arresterà il suo studio ma lo amplierà includendo dei team di studiosi nel campo della biosicurezza. Va comunque ricordato che, prima dello scioglimento, la task force lavorava in tutte le direzioni: quella dell’origine naturale e quella di laboratorio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.