In Usa 34 donne denunciano Pornhub: pubblica video di stupri

Trentaquattro donne in California hanno presentato una denuncia contro Pornhub per aver pubblicato video nei quali loro subiscono stupri e abusi sessuali, in alcuni casi quando erano ancora minorenni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:40

Trentaquattro donne in California hanno presentato una denuncia contro Pornhub – sito di video porno – e la società MindGeek accusandoli di aver pubblicato video nei quali loro subiscono stupri e abusi sessuali, in alcuni casi quando erano ancora minorenni.

Video caricati senza consenso

Nelle denuncia gli avvocati delle donne sottolineano che l’obiettivo “non è la pornografia” ma “una classica impresa criminale” il cui modello di business si basa sullo sfruttamento a scopo di lucro di contenuti sessuali non consensuali e, nel caso delle quattordici che erano minorenni all’epoca delle violenze, “di traffico sessuale di minori”.

Tutte accusano Pornhub di aver approfittato di video caricati a loro insaputa e quindi senza il loro consenso – spesso da ex fidanzati o molestatori – e chiedono il risarcimento del danno subito.

La storia della “Brunetta di 13 anni”

Serena Fleites, l’unica delle donne che non è voluta restare anonima ed ha parlato con i media, ha raccontato di aver scoperto nel 2014 della pubblicazione su Pornhub di un video “sessualmente esplicito” che il suo ragazzo l’aveva costretta a girare quando aveva solo 13 anni.

Serena Fleites

E – scrive Ansa – nonostante il nome fosse esplicito, “Brunetta di 13 anni“, il filmato è rimasto online fino a quando l’adolescente, fingendosi sua madre, ha chiesto al sito di rimuoverlo. L’operazione ha richiesto diverse settimane e durante quel lasso di tempo, il video è rimasto visibile, ha denunciato.

Secondo gli avvocati delle donne, la società MindGeek possiede più di cento siti pornografici e case di produzione specializzate, tra cui Pornhub, RedTube, Tube8 e YouPorn per un totale di 3,5 miliardi di visite al mese.

La società ha bollato le accuse definendole “totalmente assurde” e “categoricamente false”. Ma già l’anno scorso Pornhub era già finito nella bufera dopo la pubblicazione di un articolo del New York Times che lo accusava di pubblicare video pedopornografici e filmati di stupri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.