Un morto e quattro feriti in un scontro tra due barche all’Argentario

Nel tratto di mare tra Porto Ercole e l'isola del Giglio si sono scontrate una barca a vela e un motoscafo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:40

Una barca a vela ed un motoscafo si sono scontrati nel tratto di mare tra l’Isola del Giglio e l’Argentario. Secondo le prime informazioni della Capitaneria di Porto, al momento il bilancio è di un morto, si tratterebbe di un uomo, un disperso, una donna, e quattro persone, due donne e due uomini, tratte in salvo. Nella zona dove è avvenuto l’incidente, l’area vicino all’Isolotto al largo di Porto Ercole tra Torre Ciana e l’isola del Giglio, ci sarebbe un fondale di circa 40 metri. Sul posto i vigili del fuoco, la guardia costiera e due elicotteri. Proseguono le ricerche della persone disperse anche con un elicottero di configurazione Search and rescue, attrezzato per anche per il soccorso notturno.

I soccorsi

Impegnato anche l’elisoccorso Pegaso 2. Tre persone tutte originarie di Roma, due donne (di 61 e 59 anni) ed un uomo di 60 anni sono strati trasportati all’ospedale di Orbetello in codice giallo, quest’ultimo è in trasferimento all’ospedale di Grosseto. Un uomo anch’esso di Roma, di 60 anni, è stato trasportato in elisoccorso a Grosseto in codice giallo. Gli interventi sono stati coordinati dalla Capitaneria di porto. L’Asl ha mobilitato i sanitari con Croce Rossa di Orbetello, Croce Rossa Capalbio, Misericordia di Albinia e la Croce Rossa di Magliano. Impegnati uomini e mezzi dei vigili del fuoco, della Capitaneria di Porto Santo Stefano e, per i rilievi e le indagini, i carabinieri.

Le ricerche

“Proseguono ininterrottamente le ricerche della persona dispersa, sotto il coordinamento della Capitaneria di porto-Guardia Costiera anche con l’ausilio di elicottero in configurazione Sar (search and rescue) della Guardia Costiera decollato da Sarzana, in provincia di La Spezia, attrezzato per la ricerca ed il soccorso anche notturno, e sono in corso aggiornamenti per ricostruire la dinamica dell’accaduto”, scrive in un comunicato la Guardia costiera.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.