Ucraina, riconquistati 5 insediamenti nella regione di Kharkiv

Un nuovo scambio di prigionieri tra Ucraina e Federazione Russa ha avuto luogo oggi, ha annunciato la vicepremier ucraina Iryna Vereshchuk

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30
Guerra
Kiev 15/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: palazzo distrutto ONLY ITALY

Nel settantaduesimo giorno di guerra in Ucraina, le forze armate ucraine riprendono il controllo di alcuni insediamenti nella regione di Kharkiv, è stato effettuato un nuovo scambio di prigionieri. e dall’acciaieria di Azovstal sono stati evacuati 50 civili, secondo le autorità ucraine – 51 secondo i media russi. Il coprifuoco è stato annunciato nella provincia di Odessa per il 9 maggio, giorno in cui si festeggia la vittoria sui nazisti nella Seconda guerra mondiale, per l'”alto rischio” che i russi bombardino la città in quella data, riferisce il Kyiv Independent. Il coprifuoco rimarrà in vigore dalle 17 di domenica 8 maggio alle 5 di martedì 10.

Corridoi umanitari

Sono cinquanta i civili evacuati oggi dall’acciaieria Azovstal di Mariupol,  sul mar d’Azov, affermano le autorità di Kiev, mentre i media russi hanno dato notizia di 51 evacuati in tutto, compresi alcuni bambini. I corridoi umanitari resteranno ora chiusi fino a domani mattina, nell’ultimo giorno del cessate il fuoco annunciato da Mosca, sottolinea l’agenzia di stampa russa Tass.

L’area di Kharkiv

“Le forze armate ucraine nella regione di Kharkiv hanno ripreso il controllo degli insediamenti di Oleksandrivka, Fedorivka, Ukrainka, Shestakovo, Peremoha e parte del villaggio di Cherkaski Tyshky“, ha riferito lo Stato Maggiore delle Forze Armate, citato dall’agenzia di stampa ucraina Unian, dopo l’avvio annunciato ieri di una controffensiva nelle aree di Kharkiv e Izyum.

Scambio di prigionieri

Un nuovo scambio di prigionieri tra Ucraina e Federazione Russa ha avuto luogo oggi, ha annunciato il viceprimo nonché ministro per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina Iryna Vereshchuk sul suo canale Telegram, come riferisce sempre Unian. Secondo quanto ha reso noto Vereshchuk, 41 persone, tra cui 11 donne, sono state riportate in Ucraina dalla prigionia. “28 militari e 13 civili stanno tornando a casa. È particolarmente gratificante che oggi il rettore della Chiesa ortodossa ucraina sia tra i liberati”, ha aggiunto.

Denisova

“Oltre 1,1 milione di persone, tra cui 200.000 bambini, sono stati deportati in Russia”, ha detto all’Ansa Lyudmila Denisova, commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino, spiegando che le persone “che non passano la procedura di filtrazione” vengono prima portate a Tagarong, nella regione di Rostov, per poi essere “caricate sui treni e trasportate in tutta la Federazione Russa”. I dati, spiega la commissaria, sono stati raccolti dalle telefonate dei parenti al numero verde dedicato o “proprio da queste persone che hanno avuto la possibilità di chiamarci da Taganrog”. Altri 30.000 sarebbero invece stati portati in Bielorussia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.