Ucraina, Kiev: “226 bambini ucraini uccisi e 218 gravemente feriti”

Lo afferma Darya Herasymchuk, consigliere del presidente dell'Ucraina per i diritti dell'infanzia e la riabilitazione dei bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27
sfollati
Mariupol 17/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: profughi ONLY ITALY

Nei 78 giorni di guerra, sono 218 i bambini gravemente feriti dai militari russi attualmente negli ospedali, secondo dati ufficiali resi noti dall’agenzia ucraina Ukrinform, che riferisce inoltre del bilancio dei bambini ucraini uccisi dalle forze di Mosca, 226.

I dati

“Ad oggi, 226 bambini ucraini sono stati uccisi dagli occupanti russi”, ha affermato Darya Herasymchuk, consigliere del presidente dell’Ucraina per i diritti dell’infanzia e la riabilitazione dei bambini. Secondo Herasymchuk questi dati sono provvisori, in quanto sarebbe impossibile ottenere informazioni precise dai territori occupati. “All’11 maggio, 218 bambini sono curati nelle strutture sanitarie. Il 51% dei bambini feriti in ospedale ha un’età compresa tra 7 e 14 anni. Il 93% di tutti i bambini che hanno hanno chiesto assistenza medica sono bambini che hanno subito ferite da arma da fuoco“, ha precisato.

Unicef

Ieri il vicedirettore esecutivo di Unicef Omar Abdi, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza sull’Ucraina, aveva affermato che “solo nell’ultimo mese l’Onu ha verificato che quasi 100 bimbi sono stati uccisi, e riteniamo che le cifre effettive siano considerevolmente più alte”. Inoltre, il funzionario del fondo delle Nazioni unite per l’infanzia aveva anche parlato degli attacchi alle scuole. “Alla scorsa settimana almeno 15 delle 89 scuole sostenute dall’Unicef (una su sei) nell’est sono state danneggiate o distrutte dall’inizio della guerra”, ha proseguito Abdi, precisando che “centinaia di scuole in tutto il paese si dice siano state colpite da artiglieria pesante”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.