Ucraina, 19 ospedali distrutti dall’inizio della guerra. Esplosioni nell’ovest de Paese

L'Ufficio del procuratore generale dell'Ucraina, citato da Unian, ha fatto sapere che le forze russe avrebbero ucciso civili e dato fuoco ai corpi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:20
Ucraina
Kiev 02/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: camion distrutto ONLY ITALY

Esplosioni sono state udite nell’ovest dell’Ucraina, nella regione di Leopoli, riferiscono le autorità locali. Dopo le scuole, anche gli ospedali sono colpiti nel conflitto che in Ucraina va avanti da oltre un mese. Mentre un team di Medici senza frontiere racconta l’attacco all’ospedale oncologico di Mykolaiv, con “la presenza di svariate piccole buche nel terreno su una vasta area potrebbero essere compatibili con l’utilizzo di bombe a grappolo”, l’Ufficio del Procuratore generale dell’Ucraina ha fatto sapere che le truppe russe avrebbero hanno cercato di bruciare i corpi di sei civili, a Bucha. Oggi 3.846 persone sono state evacuate attraverso corridoi umanitari delle quali 1.496 da Mariupol con mezzi propri e sono giunte a Zaporizhzhia, ha annunciato la vice premier Iryna Vereshchuk, riporta Ukrainska Pravda.

Gli ospedali

Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina i russi hanno danneggiato 279 ospedali e ne hanno completamente distrutti 19, riporta Ukrinform citando il ministro della Salute ucraino Viktor Lyashko. “Venti operatori sanitari sono rimasti gravemente feriti, sei sono stati uccisi. Ma i nostri medici non si arrendono, salvano vite ogni giorno”, ha detto Lyashko.

La situazione a Mykolaiv

“Abbiamo visto diverse persone ferite e almeno un cadavere“. Così un team di Msf – che ieri era stato a Mykolaiv per incontrare le autorità sanitare locali – commenta l’attacco all’ospedale oncologico della città nel sud dell’Ucraina. L’ong racconta: “È stato colpito anche un ospedale pediatrico distante 300 metri”, aggiungendo poi che “l’assenza di grossi crateri e la presenza di svariate piccole buche nel terreno su una vasta area potrebbero essere compatibili con l’utilizzo di bombe a grappolo”. “Nel giro di dieci minuti, si sono verificate diverse esplosioni nelle immediate vicinanze” racconta Michel-Olivier Lacharité, capo missione di Medici senza frontiere in Ucraina. Si apprende che il team di MSF “è riuscito a mettersi al riparo e non è rimasto ferito”. Durante gli attacchi aerei delle forze russe, lo staff dell’organizzazione umanitaria si stava preparando ad avviare nuove attività a supporto delle persone sfollate dalla guerra, in collaborazione con un’organizzazione locale. Medici Senza Frontiere conferma che negli ultimi due giorni, tre ospedali di Mykolaiv sono stati colpiti da attacchi aerei. “Oltre agli attacchi di ieri, lo scorso 3 aprile è stato colpito anche l’ospedale numero 5, situato nel sud della città”, conclude Lacharité.

I corpi di Bucha

“Durante l’occupazione della città di Bucha, i militari delle Forze armate della Federazione Russa, in violazione del diritto umanitario internazionale, hanno ucciso civili e dato fuoco ai loro corpi per coprire il crimine”, ha fatto sapere l’Ufficio del procuratore, citato da Unian, aggiungendo che i pubblici ministeri del distretto di Bucha e gli uffici del procuratore regionale di Kiev lavorano sul posto con la polizia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.