Turismo, Speranza: “Vivremo un’estate migliore, ma non un ‘liberi tutti'”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ottimistico sulla prossima stagione turistica : "Un'estate migliore per avere molta più libertà"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05

Un’estate migliore, con attenzione e gradualità, per riuscire ad avere “molte più libertà” di questi mesi, ma “non un liberi tutti“. Così il ministro della Salute Roberto Speranza su La Repubblica.

Sul capitolo riaperture, per Speranza “ad aprile conviene tenere ancora la massima prudenza. A maggio, a seconda dei parametri del contagio e della capacità di vaccinare i fragili ci possono essere le condizioni per misure meno restrittive come quelle della zona gialla. Però voglio essere chiaro: dobbiamo avere grande cautela e prudenza. Continuare con un percorso di gradualità”. Qui il bollettino dell’11 aprile con i nuovi colori delle Regioni, valide da oggi.

I colori delle Regioni dal 12 aprile

Vaccino per gli over 60 senza prenotazione

Il ministro indica due novità in vista: il richiamo di Pfizer e Moderna a 42 giorni, e non più 21 e 28; e la possibilità per gli over 60 di presentarsi agli hub per farsi immunizzare con AstraZeneca senza prenotazione con le dosi residue.

Speranza: over 80 vaccinati “entro aprile”

Ma ora, sottolinea, la priorità resta legata alle persone over 80, e poi a quelle tra 70 e 80. Secondo il ministro, gli over 80 saranno vaccinati “entro aprile” e “credo che entro il trimestre – quindi entro fine giugno – si possono mettere in sicurezza tutti gli over 60, che sono altri 18 milioni circa. La vera svolta è avere più vaccini. Dobbiamo accelerare ancora, questo è chiaro. Il lavoro di Figliuolo va in questa direzione. In questo trimestre attendiamo 50 milioni di vaccini. E 7,3 milioni di Johnson&Johnson nel trimestre. Questa settimana arriveranno le prime dosi. Saranno 4-500 mila ad aprile“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.