I travel blogger raccontano i borghi italiani

Un viaggio all'insegna della sostenibilità e della promozione turistica: alla scoperta dell'Italia con mezzi green

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:51

Un viaggio lungo tutta l’estate quando 21 influencer e creator raccoglieranno contenuti digitali e scopriranno 63 borghi italiani. Un nuovo format di comunicazione digitale nell’ambito del progetto “Scopri l’Italia che non sapevi”, rivolto ai mercati stranieri e ovviamente ai giovani e presentato oggi nei padiglioni di FieraMilanoCity.

Promozione turistica e valorizzazione del territorio

“Un grande racconto da parte di figure innovative della promozione turistica per valorizzare l’autenticità del nostro territorio“, spiega Emanuele Burioni, direttore di Apt Emilia-Romagna, l’azienda di promozione turistica regionale. E soprattutto “per andare alla scoperta di luoghi che non conosciamo ancora e che non pubblicizziamo abbondantemente all’estero”.

Il connubio tra green e digitale

Un “viaggio sostenibile”, visto che i travel blogger viaggeranno con mezzi ‘green’, come treni, auto e bici elettriche o attraverso il car sharing. Sfruttando il digitale, “componete imprescindibile”, secondo Burioni, della promozione turistica. “I nuovi strumenti che finora erano meno utilizzati come TikTok – aggiunge – rappresentano un’ulteriore opportunità per interagire con fasce di pubblico sempre più giovani”. E comunque “noi ci stiamo impegnando da molti anni sul tema dei borghi, dei cammini e del turismo lento”. Per esempio “quest’anno abbiamo lanciato ‘Via Romagna’ – racconta – un percorso ciclabile mappato di 422 km che parte da Cattolica e arriva a Comacchio e dal mare attraversa tutti i borghi dell’Appennino”. E che “ci consentirà di far conoscere anche tutta la parte dell’entroterra – conclude – l’ideale per scoprire il mare ma anche la cultura, i borghi e l’enogastronomia“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.