Tolosa, lascia un ordigno esplosivo nella cattedrale durante la messa

Un uomo, noto alle forze dell'ordine francesi per diversi reati tra cui guida in stato di ebbrezza, è stato fermato dalla polizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22
Foto da Pixabay

Sembra fosse privo di miccia l’ordigno esplosivo artigianale lasciato nella cattedrale Saint-Etienne di Tolosa da un individuo, mentre era in corso la messa. L’uomo, a quante pare già “noto ai servizi della polizia” francese, è stato fermato. Le forze dell’ordine hanno comunque fatto evacuare i fedeli. Nessuna pista induce a pensare che dietro il gesto ci fosse un movente di tipo terroristico.

Cos’è successo

Il sacrestano della cattedrale della città del sud della Francia Aurélien Dreux ha raccontato che l’uomo “è entrato con un pacco sotto il braccio, l’ho scambiato per un fattorino”. “Ha attraversato la navata e lo ha depositato davanti alle scale dell’altare“, ha proseguito il religioso, “poi mi ha spintonato, mi ha detto qualcosa e se n’è andato via”. I fedeli sono stati immediatamente evacuati dalla cattedrale e le ricerche scattate in tutta la città, mentre il quartiere veniva transennato e chiuso al traffico.

Le indagini

Il procuratore di Tolosa Samuel Vuelta Simon ha precisato che “in una cassa di legno erano contenuti prodotti artigiani mescolati“. L’uomo era considerato pregiudicato per guida in stato di ebbrezza, offesa a pubblico ufficiale, uso di stupefacenti e diversi altri reati. Per due volte era stato giudicato penalmente irresponsabile delle sue azioni.  Il ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin ha detto che l’incidente si è chiuso senza “nessuna vittima” e che l’individuo fermato “non ha pronunciato alcuna rivendicazione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.