Terza dose per immuncompromessi dal 20 settembre, oggi 2.800 nuovi casi e 36 decessi

Saranno utilizzati i vaccini a m-RNA BioNTech/Pfizer e Moderna, fa sapere la struttura del commissario Figliuolo. Somministrate intanto 80,9 milioni di dosi, 39,9 milioni di over12 hanno completato il ciclo vaccinale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:54

I soggetti immunocompromessi riceveranno la terza dose di vaccino contro il Covid a partire da lunedì 20 settembre. Intanto sono 2.800 i nuovi positivi al Covid individuati nelle ultime 24 ore, e 36 i decessi, mentre il 73,9% della popolazione dai 12 anni in su ha completato il ciclo vaccinale.

La decisione

Dopo il parere favorevole della Commissione tecnico-scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco e del Comitato tecnico scientifico del governo, è arrivata oggi la decisione nel corso di una riunione a cui hanno preso parte il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo sulla somministrazione della terza dose alle categorie a rischio di malattia grave o più esposte. “Verranno dunque rese disponibili dosi addizionali di vaccino a m-RNA” – BioNTech/Pfizer e Moderna” – “per l’avvio delle somministrazioni”, fa sapere in una nota la struttura commissariale.

I numeri del bollettino

I casi di positività al Covid giornalieri registrati 2.800, rispetto ai 4.664 di ieri, con 120.045 tamponi effettuati – il giorno precedente erano stati 267.358. Il tasso di positività sale dall’1,7% di 24 ore fa all’odierno 2,3%. I decessi passano da 34 a 36.

Campagna vaccinale

Alle 06:13 di oggi sono state somministrate 80.902.858 dosi di vaccini contro il Covid, corrispondenti all’88,1% delle 91.848.928 dosi finora consegnate. Sono oltre 39,9 milioni le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, il 73,9% della popolazione over12.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.