Tarquinia, ucciso professore universitario

Il corpo del biologo marino, docente associato all'ateneo della Tuscia, è stato trovato con una ferita alla testa in un'auto in un parcheggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:45

Una ferita alla testa di cui non è ancora chiara la natura, se compatibile o meno con un’arma da fuoco, sul corpo di Dario Angeletti, biologo marino e professore associato all’università della Tuscia, ucciso e trovato morto al posto di guida nella sua auto all’interno di un parcheggio sterrato a Tarquinia, in provincia di Viterbo, non lontano dalla riserva faunistica delle Saline.

Le indagini

A dare l’allarme è stato un passante. Nell’auto i carabinieri di Tarquinia e del comando provinciale di Viterbo, che indagano sulla morte del docente dell’ateneo della Tuscia, non avrebbero trovato armi, mentre sono stati trovati dei segni di frenata della sua vettura, non si esclude quindi che possa aver cercato di fuggire da qualcuno che lo inseguiva. Nel luogo del delitto ci sono telecamere, per via della riserva faunistica. Alcune perquisizioni sono in corso, si apprende da fonti investigative e una di queste potrebbe riguardare proprio il presunto responsabile del delitto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.