MERCOLEDÌ 03 MAGGIO 2017, 10:04, IN TERRIS

Svolta in Libia, intesa Serraj-Haftar: elezioni entro il 2018

FRANCESCO VOLPI
Svolta in Libia, intesa Serraj-Haftar: elezioni entro il 2018
Svolta in Libia, intesa Serraj-Haftar: elezioni entro il 2018
Passo avanti della Libia verso l'unità nazionale. Il premier del governo sostenuto dall'Onu, Fayez Al Serraj, e il generale Khalifa Haftar si sono incontrati ad Abu Dhabi, in territorio neutro. E secondo le indiscrezioni dei media avrebbero raggiunto un accordo per risolvere lo stallo attraverso un controllo congiunto delle milizie e nuove elezioni entro il prossimo inverno.

Cautela


Come sempre nelle questioni libiche, la cautela sul futuro dell'intesa è però d'obbligo dato che, come ha sottolineato un analista, l'accordo potrebbe non tener conto delle forti milizie ostili al generale Haftar. Stando a una foto diffusa da una pagina Facebook attribuita alle forze armate di Haftar, l'incontro fra il generale e il premier appoggiato dall'Onu è avvenuto nella capitale degli Emirati arabi uniti e non si è ripetuto l'incidente del Cairo di febbraio quando un faccia a faccia saltò all'ultimo istante per un rifiuto dell'uomo forte della Cirenaica. Almeno fin in prima serata i contenuti dell'intesa non erano stati annunciati da fonti ufficiali ma solo media arabi peraltro attendibili e informati come Al Arabiya.

L'intesa


L'accordo sarebbe stato raggiunto sulla formazione di un nuovo "consiglio di presidenza dello Stato" formato "dal presidente del parlamento" di Tobruk, Aghila Saleh, da quello "del governo di intesa nazionale" (ora Sarraj) "e dal comandante dell'esercito", attualmente Haftar, al quale però vengono attribuite aspirazioni politiche sottolineate dalla giacca e cravatta in cui si è lasciato fotografare accanto a Sarraj. "Il consiglio presidenziale sarà il comandante in capo dell'esercito", riferisce ancora l'emittente in linea con altri media come Libya's Channel che annuncia un "accordo sui preparativi di elezioni presidenziali e parlamentari al massimo entro marzo 2018".

Lo scoglio


L'intesa prevedrebbe anche lo "scioglimento di tutte le milizie" definite "irregolari", un scoglio su cui però potrebbe naufragare il dialogo: "già nel 2014 elezioni libiche al di fuori di un vero accordo per la condivisione del potere furono il detonatore della violenza", ha ricordato Mattia Toaldo, analista senior dell'European Council on Foreign Relations (Ecfr) di Londra in dichiarazioni all'Ansa. "Questo scenario si potrebbe ripetere nel caso Haftar fosse integrato in qualche maniera nell'attuale sistema semplicemente tramite un accordo con Sarraj, troppo debole per garantire le fazioni anti-Haftar della Tripolitania rispetto al possibile strapotere del generale", ha aggiunto Toaldo. "Dopo una visita negli Emirati di due settimane fa", Haftar "aveva già moderato le proprie posizioni, dichiarandosi disposto a servire sotto un'autorità civile", ha aggiunto l'analista secondo il quale "emerge una nuova strategia" da parte del generale: accettare di giocare per qualche mese secondo le regole dell'accordo Onu, il Lpa, ma avere in cambio la garanzia di elezioni presidenziali all'inizio del 2018" cui si candiderebbe.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Alessio Cerci in azione
SERIE A

Okwonkwo-Donsah rimontano il Verona: il Bologna respira

Il monday-night va ai felsinei: scaligeri avanti due volte ma rimontati e superati. E' il quinto k.o. di fila
Cateno De Luca
SICILIA

Domiciliari revocati a Cateno De Luca

Per il deputato regionale resta il divieto a ricoprire ruoli apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta
Jana Novotna con il trofeo vinto a Wimbledon, nel 1998
TENNIS

Addio a Jana Novotna, la regina del doppio

La tennista ceca si è arresa al canrco a 49 anni. In carriera una vittoria a Wimbledon nel singolo, nel 1998
Domenica Rita Adriana Bertè (Mimì) alias Mia Martini
TRIBUTO

Mantova ricorda Mia Martini: quest'anno avrebbe compiuto 70 anni

La direzione artistica è affidata a Mimmo Cavallo
Carlo Tavecchio
FEDERCALCIO

Tavecchio, sfogo d'addio: "Pago la scelta di Ventura"

Passo indietro del presidente della Figc dopo il flop mondiale: "Se quel palo fosse entrato sarei un eroe"
Il pianeta gassoso Giove
SISTEMA SOLARE

L'acqua terrestre viene da Giove

Ridimensionata la teoria secondo la quale proverrebbe da asteroidi e comete
L'on. Franceschini all'inaugurazione di
MOSTRA

Napoli: al via "Pompei@Madre. Materia Archeologica"

Franceschini: "Inaugurata la mostra più importante dell'anno in Italia"
Sebastian Pinera
CILE

Presidenziali: a Pinera il primo turno

Nel ballottaggio del 17 dicembre sarà sfida con il candidato di centrosinistra Guillier