Studente italiano accoltellato a New York

L'aggressione è avvenuta non lontano dal campus della Columbia University, dove era iscritto. L'assalitore, membro della gang Every Body Killers, ha colpito anche un'altra persona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:04

“Una notizia triste e scioccante“, scrive nella mail rivolta agli studenti il presidente della Columbia University Lee Bollinger nel comunicare la morte di Davide Giri, 30enne piemontese iscritto alla School of Engineering and Applied Science per conseguire un dottorato dopo gli studi al Politecnico di Torino, accoltellato e ucciso intorno alle 11 di sera non lontano dal campus universitario. Oltre a lui è stato ferito un altro italiano, un turista di 27 anni, ed entrambi sono sarebbero stati assaliti da un 25enne membro di una gang, secondo quanto riferito dal New York Post.

Cos’è successo

Il fatto di sangue si è verificato all’altezza della 123ma strada e Amsterdam Avenue, nei pressi di Morningside Park. Luogo dove, nel 2019, è stata accoltellata a morte la studentessa della Barnard University Tessa Majors. Giri è stato ucciso intorno alle 11 di sera dal 25enne, appartenente alla Every Body Killers e con undici arresti alle spalle dal 2012, che poco dopo ha accoltellato anche il turista ventisettenne, per poi essere fermato dalla polizia a Central Park.

Le parole del presidente della Columbia

“Vi scrivo con profonda tristezza per condividere la tragica notizia che Davide Giri, studente della School of Engineering and Applied Science, è stato ucciso in un violento attacco vicino al campus giovedì sera”, ha scritto Bollinger agli studenti. “Si tratta di una notizia triste e scioccante”, ha aggiunto.

Chi era la vittima

Davide Giri era originario di Alba e – rende noto la versione online della Gazzetta di Alba – era molto conosciuto per le attività di volontariato svolte con la parrocchia di Santa Margherita a Musotto. Il 30enne aveva studiato al Politecnico di Torino, conseguendo anche il dottorato, e si trovava a New York per un master in ingegneria e scienze applicate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.