Stretta dell’Italia sui vaccini, bloccato l’export verso l’Australia

Ancora in salita i casi di contagio ed il tasso di positività. Preoccupano Emilia Romagna, Trento e Bolzano. La situazione in Europa.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:15
marche

I dati di oggi sul Covid fanno registrare il maggior numero di nuovi casi del 2021. I nuovi contagiati sono 22.685, ed è il dato più alto dallo scorso 31 dicembre. Sale anche il tasso di positività che raggiunge il 6,7%. I decessi di oggi sono 339, aumentano di 394 i ricoveri ordinari e di 64 unità le terapie intensive.

Questi nuovi dati preoccupanti arrivano nel giorno in cui il governo italiano imbocca la strada del rigore sui vaccini: il nostro Paese ha bloccato infatti l’export di 250 mila dosi del vaccino Astrazeneca verso l’Australia e la Commissione Europea non si è opposta alla decisione del nostro governo presa sulla base del nuovo meccanismo europeo sul controllo dell’export. Già nell’ultimo consiglio europeo il premier italiano Draghi aveva ribadito la necessità di bloccare l’export delle aziende che non rispettano i contratti.

L’Italia è il primo Paese dell’Unione Europea che prende una decisione di questo genere. Intanto prosegue la somministrazione del vaccino in Italia: gli italiani vaccinati con la seconda dose sono oltre un milione e mezzo. Secondo i dati diffusi dal ministero della Sanità sono invece 4.841.993 le somministrazioni totali di vaccino.

Infine la mappa aggiornata della situazione Covid nel nostro Paese vede l’Emilia Romagna in colore rosso-scuro insieme alle province di Trento e Bolzano. Nel resto d’Europa la situazione resta critica in Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia al confine con l’Italia, ed in Francia alla frontiera con il Belgio. La situazione invece è in miglioramento nella penisola Iberica, in Germania e Danimarca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.