Strage di Carignano, è morta la piccola Aurora: era l’unica sopravvissuta

La bambina, di soli due anni, era stata ferita con un colpo di pistola alla testa da suo padre, che aveva già ucciso la mamma e suo fratello gemello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:24

La peggiore delle notizie arriva dal reparto di Rianimazione del Regina Margherita di Torino. Per la piccola Aurora, di appena due anni e unica sopravvissuta alla strage di Carignano, è iniziata l’osservazione di prassi prima di decretarne il decesso. La bimba era stata colpita alla testa da un proiettile esploso dalla pistola del papà, Alberto, che aveva ucciso la moglie Barbara (38 anni) e l’altro figlioletto Alessandro, gemello di Aurora. La bambina era stata trasportata d’urgenza in ospedale dopo la tragedia ma le sue condizioni era da subito apparse disperate. La piccola è arrivata in coma in ospedale e non ha mai ripreso conoscenza. Nel pomeriggio ne è stata riscontrata la morte cerebrale, iniziando il periodo di osservazione, al termine del quale è stata dichiarata deceduta. Il ricovero era stato effettuato nel blocco Covid dell’ospedale, poiché Aurora era stata riscontrata positiva al virus.

La strage di Carignano

Una tragedia familiare quella che si è consumata lo scorso 9 novembre a Carignano, nel Torinese. Il padre di Aurora, un italiano di 40 anni, lavorava come operaio e, prima di compiere la strage, avrebbe comunicato al telefono le sue intenzioni al fratello. Poi, dopo aver preso l’arma, una pistola da lui detenuta, ha esploso colpi fatali verso sua moglie e i suoi due figli, Alessandro e appunto Aurora. I primi due sono rimasti uccisi sul colpo, mentre l’uomo è sopravvissuto al colpo esploso contro di sé fino all’arrivo dei soccorsi, spirando poco dopo. I due bambini sarebbero stati colpiti mentre dormivano. Alla base del gesto, vi sarebbe una crisi matrimoniale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.