Stop alla vendita di auto a benzina e a diesel dal 2035

Il via libera del Parlamento europeo alla posizione negoziale degli eurodeputati sugli standard di emissioni di CO2 è arrivata con 339 voti a favore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37

La plenaria dell’Europarlamento ha avallato la proposta della Commissione europea di terminare le vendite di auto nuove a benzina e diesel nel 2035. L’emendamento sostenuto dal Partito popolare europeo, che prevedeva una riduzione delle emissioni di CO2 del 90% invece che del 100%, non è stato approvato. Il via libera dell’emiciclo alla posizione negoziale degli eurodeputati sugli standard di emissioni di CO2 è arrivato con 339 voti a favore, 249 contro e 24 astenuti.

L’emendamento bipartisan

E’ stato approvato l’emendamento bipartisan firmato da eurodeputati italiani di tutti gli schieramenti per prolungare la deroga alle regole Ue sugli standard di emissione della CO2 di cui già oggi beneficiano i produttori di nicchia. La plenaria dell’Europarlamento ha dato l’ok al prolungamento dal 2030 fino al 2036 della deroga per i piccoli produttori di auto, da mille a 10mila l’anno, e furgoni da mille a 22mila.  L’emendamento era stato presentato con il chiaro obiettivo di salvaguardare la produzione di supercar nella “motor valley” dell’Emilia-Romagna.

La plenaria dell’Europarlamento che ha dato l’ok alla fine della vendita di auto a benzina, diesel e gpl dal 2035 ha confermato che la deroga per i piccoli produttori di auto (da 1000 a 10mila l’anno) e furgoni (da 1000 a 22mila) cesserà nel 2030.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.