Speranza: “Dopo parere Aifa possibile terza dose dopo 5mesi”

In Alto Adige chiudono discoteche, cinema e teatri e torna il coprifuoco nei comuni "rossi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:14

“La dose di richiamo è cruciale per proteggere meglio noi e chi ci sta accanto”, così sui social il ministro della Salute Roberto Speranza, “dopo l’ultimo parere di AIFA” – l’Agenzia italiana del farmaco – “sarà possibile farla a 5 mesi dal completamento del primo ciclo. Vacciniamoci tutti per essere più forti”.

 

 

La circolare ministeriale

In Gazzetta ufficiale domani e in vigore da giovedì la circolare “Aggiornamento indicazioni su intervallo temporale tra somministrazione della dose booster e completamento del ciclo primario” emanata dal Ministero della Salute. “L’intervallo minimo previsto per la somministrazione della dose ‘booster’ (di richiamo) con vaccino a m-RNA, alle categorie per cui è già raccomandata (inclusi tutti i soggetti vaccinati con unica dose di vaccino Janssen) e nei dosaggi autorizzati, è aggiornato a cinque mesi (150 giorni) dal completamento del ciclo primario di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato”, recita il documento. Circolare emanata “tenuto conto dell’attuale condizione di aumentata circolazione virale e ripresa della curva epidemica e in un’ottica di massima precauzione“. In merito ai dosaggi, il documento indica 30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty di Pfizer/BioNTech; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax di Moderna.

Alto Adige

Intanto in Alto Adige, regione in cui l’incidenza attualmente è di 407 ma ci sono casi come quello di Rodegno dove l’8,16% della popolazione risulta positiva, tornano il coprifuoco e le mascherine all’aperto. Il governatore Arno Kompatscher ha infatti firmato un’ordinanza che prevede il coprifuoco e la chiusura anticipata alle ore 18 di bar e ristoranti per i Comuni di Rodengo, San Pancrazio, Caines, Vandoies, Ultimo, Martello, Castelbello Ciardes, Naz-Sciaves, Senales, Plaus, Castelrotto, Marlengo, Laion, Postal, Ortisei, Moso in Passiria, Funes, Santa Cristina Valgardena, Rasun Anterselva e Rio di Pusteria. In questi Comuni scatta anche l’obbligo Ffp2 nei negozi e sono sospesi tutti gli eventi pubblici in luoghi chiusi. Chiudono teatri e cinema e sono altresì sospese le prove. “Dobbiamo evitare un nuovo sovraccarico degli ospedali. Serve la solidarietà di tutti”, ha affermato il segretario Svp Philipp Achammer.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.