Spari durante una festa, una vittima

Una lita è scoppiata nella serata di ieri in un bar a Turbigo, nel milanese, e un 34enne avrebbe esploso colpi di pistola contro 23enne, uccidendolo, e ferito un 30enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

Un 34enne è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso a colpi di pistola, la notte scorsa a Turbigo, comune nella città metropolitana di Milano, un 23 enne e di aver ferito a una gamba un’altra persona. Il presunto autore del gesto e le vittime sono di nazionalità albanese e stavano partecipando a una festa con altri connazionali, quando è iniziata una lite al culmine della quale è avvenuta la sparatoria. Il 34enne è stato poi picchiato dagli altri presenti ed è ricoverato all’ospedale di Gallarate, dove si trova piantonato, in gravi condizioni.

Cos’è successo

L’uomo, poi arrestato, stava partecipando ieri sera a una festa di connazionali che si è svolta nei pressi di un bar quando, attorno alle 23 è scoppiata la lite – secondo una prima ricostruzione per futili motivi – e l’uomo avrebbe sparato con una pistola calibro 6,35 ferendo a un polpaccio un 30enne. I presenti a quel punto hanno accerchiato l’aggressore che avrebbe sparato di nuovo, colpendo al collo un 23enne, morto poche ore dopo in ospedale a Legnano. Dopo gli spari l’aggressore è stato malmenato dagli altri partecipati alla festa prima dell’arrivo dei carabinieri di Legnano, che lo hanno portato via e arrestato. L’uomo è ora ricoverato, in gravi condizioni, all’ospedale di Gallarate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.