Sparatoria negli Usa, morti due poliziotti

Lo scontro a fuoco si è verificato quando gli agenti della contea di Floyd sono andati a far rispettare un ordine di protezione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:11

Ancora vittime delle armi da fuoco negli Stati Uniti d’America, dopo la lunga serie di stragi e sparatorie verificatesi nelle ultime due settimane, a partire del massacro in una scuola di Uvalde, in Texas. L’ultima, in cui sono rimasti uccisi almeno due agenti di polizia e altri sei sarebbero stati feriti, è avvenuto ieri notta a Allen, in Kentucky, e l’uomo che avrebbe aperto il fuoco è stato arrestato. Pochi giorni fa, la Corte suprema degli Stati Uniti, la più alta magistratura federale del Paese, aveva bocciato le limitazioni al porto d’armi in pubblico vigenti nello Stato di New York.

Lo scontro a fuoco

Tutto è iniziato dopo un’indagine su una violenza domestica: quando gli agenti dello sceriffo della contea di Floyd sono arrivati a casa di Lance Storz, 49 anni, per far rispettare un ordine di protezione, lui avrebbe ha sparato con un fucile. Lo sceriffo John Hunt ha affermato che la sparatoria di massa era “pianificata” e ha precisato che la moglie di Storz e un figlio sono stati trasferiti in un rifugio sicuro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.