Sospeso l’accordo sull’estradizione tra Regno Unito e Hong Kong

Johnson conferma la risposta al giro di vite della Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:13
Fonte: Getty Images

In risposta alla nuova legge sulla sicurezza imposta dalla Cina nell’ex colonia e condannata dall’Occidente come liberticida, il Regno Unito sospende l’accordo d’estradizione con Hong Kong, garantendo di fatto di non consegnare qualunque ricercato o fuggitivo. Tale accordo, firmato dopo la restituzione di Hong Kong a Pechino nel 1997, coinvolgeva pure Australia e Canada, che lo hanno sospeso. Già anticipata dai media, la ritorsione è stata confermata da Boris Johnson prima d’essere formalizzata alla Camera dei Comuni dal ministro degli Esteri, Dominic Raab.

Le dichiarazioni di Boris Johnson

Durante una visita a una scuola nel Kent, il capo di Downing Street ha detto ai giornalisti: “Io non intendo essere spinto a essere un sinofobo per riflesso condizionato, automaticamente anti-cinese. Ma dobbiamo rispondere ad alcune gravi preoccupazioni”. Ha continuato precisando che le preoccupazioni riguardano sia il “trattamento della minoranza degli Uiguri e le violazioni dei diritti umani” sia “quello che sta accadendo a Hong Kong“. Avverte che Londra sarà “dura” con la Cina su alcuni temi ma non “abbandonerà completamente la politica di impegno” con Pechino.

Le precedenti decisioni di Londra

La settimana scorsa il governo britannico, condizionato soprattutto dalle pressioni USA, ha deciso di escludere il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei dallo sviluppo della rete 5G d’Oltremanica, oltre ad aver offerto, dopo l’entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale, un percorso privilegiato verso la cittadinanza del Regno Unito a circa 3 milioni di abitanti dell’ex colonia britannica in Asia, scatenando la reazione di Pechino che ha denunciato interferenze interne.

La protesta della Cina

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin ha osservato che le recenti osservazioni violano le norme fondamentali delle relazioni internazionali e interferiscono gravemente nelle questioni della Cina.  Inoltre, ha  sollecitato Londra a “non proseguire ulteriormente lungo il percorso sbagliato per evitare di danneggiare ulteriormente  le relazioni tra Cina e Gran Bretagna”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.