Uccide la moglie con un coltello e prova a togliersi la vita

L'uomo, 47 anni, è stato trasportato con l'elicottero del 118 all'ospedale Cannizzaro di Catania per un intervento chirurgico. Nella colluttazione è rimasto ferito a un braccio l'anziano che la donna, 46 anni, di professione badante, accudiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:28
Carabinieri
Foto © Pixabay

Un femminicidio e un tentato suicidio a Bronte, nel catanese, nel giorno dell’udienza di separazione della coppia. Un uomo di 47 anni, Filippo Asero, ha ucciso la moglie, Ada Rotini, di 46, con un coltello, ferendo anche un uomo anziano che si è frapposto tra loro, per poi puntare l’arma contro di sé e colpirsi all’addome. Asero è stato poi ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania.

La ricostruzione

Secondo la dinamica dei fatti ricostruita dai carabinieri, la donna, di professione badante, si sarebbe recata nell’abitazione dove aveva vissuto con il marito per ritirare alcuni effetti personali, accompagnata dall’anziano che accudiva. L’uomo avrebbe cercato di bloccarla, poi l’avrebbe colpita ripetutamente con un coltello, ferendola alla gola e togliendole la vita, prima di rivolgere l’arma contro se stesso.

L’anziano, nel tentativo di frapporsi fra i due, avrebbe riportato un lesione da arma da taglio al braccio ed è ricoverato all’ospedale di Bronte. Asero invece è stato trasportato al Cannizzaro di Catania a bordo di un elicottero del 118 e lì è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Sulla vicenda indagano i carabinieri, coordinati dalla Procura distrettuale di Catania.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.