Usa, sparatorie in Tennessee e Oklahoma. Biden a Uvalde

Il presidente degli Stati Uniti incontro oggi nella città texana le famiglie delle piccole vittime della strage della scuola elementare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:04

Una sparatoria in una pizzeria e un’altra, con una vittima, poche ore prima della visita del presidente degli Stati Uniti nella città dove lo scorso 24 maggio si è verificata la strage alla scuola elementare Robb Elementary., in cui hanno perso la vita 19 bambini e due insegnanti.

I fatti

Risale alla serata di ieri l’episodio in cui sono rimaste ferite sei persone, di cui in condizioni critiche, all’interno di una pizzeria di Chattanooga, in Tennessee. Lo riportano i media locali, citando la polizia, secondo la quale gli agenti nell’area hanno sentito degli spari da arma da fuoco e sono intervenuti. Un morto e cinque feriti. E’ il bilancio della sparatoria a un festival all’aperto a Taft, in Oklahoma. L’incidente è avvenuto poco dopo la mezzanotte scorsa. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, gli spari sono seguiti a un litigio. Nessuno al momento è stato arrestato.

L’appello

Joe Biden e la first lady Jill sono arrivati a Uvalde, in Texas, a bordo del Marine One, l’elicottero presidenziale, per incontrare le famiglie delle piccole vittime e visitare il memoriale, dove il presidente appare commosso. “Vogliamo un cambiamento, vogliamo un’azione”, è l’appello che gli rivolgono.  “Una sparatoria di massa accade e rimbalza sui media. La gente piange, poi si dimentica e non interessa più a nessuno finché non accade di nuovo. La storia si ripete di continuo”, affermano. Il presidente e la Joe Biden mano nella mano con la First Lady Jill visita il memoriale allestito alla scuola elementare di Uvalde dove si è consumata la strage che ha ucciso 21 persone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.