Scuola, quali sono le nuove regole per la quarantena

Con un solo positivo in classe non scatta la didattica a distanza, se sono due c'è la "quarantena selettiva" a seconda che si sia o meno vaccinati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:18
Rimini
Bambini e bambine a scuola (immagine di repertorio)

Verrà diramato a stretto giro agli Uffici scolastici regionali e alle scuole mediante una nota di accompagnamento il documento con le “Indicazioni per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da Sars Cov in ambito scolastico”, elaborato dall’Istituto superiore di Sanità, dal ministero della Salute, da quello eell’Istruzione e dalle Regioni, varato oggi.

Le quarantene

Nel documento, firmato dal direttore generale della prevenzione sanitaria Giovanni Rezza e dal capo dipartimento del ministero dell’Istruzione Jacopo Greco, si prevede che in caso di un solo positivo in classe non ci scatti la didattica a distanza. Se sono due, è prevista una quarantena “selettiva”, a seconda se si sia vaccinati o meno. Tutti a casa invece se i casi sono almeno tre, sia tra gli alunni che tra i docenti.

Il documento contiene una revisione complessiva del sistema di gestione dei contatti dei casi confermati di positivi, anche alla luce dell’aumento della copertura vaccinale e per favorire la didattica in presenza e rendere più omogenee le misure di prevenzione in ambito scolastico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.