Rientro a scuola, il governo chiama gli esperti: vertice d’urgenza del Cts

I tecnici del Comitato chiamati da Speranza per fare il punto sul rientro in classe in Emilia-Romagna, Lazio, Molise e Piemonte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:10
Scuola

A una manciata di ore dal ritorno a scuola, il Comitato tecnico scientifico si riunisce d’urgenza. Una convocazione a quanto sembra voluta dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che avrebbe chiesto ai tecnici un parere sul ritorno in classe degli studenti delle superiori e capire se sia necessario o meno un rinvio delle lezioni in presenza. Per il momento, il piano è riportare gli studenti più grandi in aula al 50%.

Esperti che, ormai da giorni, avevano ribadito il punto da tenere, ossia restare ancora provvisoriamente con il sistema della didattica a distanza, mantenendo quindi misure di contenimento più severe per contrastare la diffusione della pandemia. Un pensiero che aveva contrastato con la volontà delle scuole di accelerare con il ripristino delle lezioni in classe.

Il piano (a ora) per il ritorno a scuola

Il piano, a oggi, prevedeva il rientro in classe delle superiori a partire dal 18 gennaio in quattro Regioni: Lazio, Piemonte, Molise ed Emilia-Romagna. In altre Regioni (Toscana, Abruzzo, Valle d’Aosta) si era ripartiti l’11 gennaio, in altre ancora (Trentino e zona autonoma dell’Alto-Adige) addirittura il 7 del mese. In alcuni territori, come Lombardia e Sicilia, le lezioni proseguiranno a distanza vista la dichiarazione di zona rossa.

Bolzano, nonostante sia stata considerata tale, continuerà con le lezioni in presenza con un tenore, a seconda dei casi, tra il 50% e il 75%. Da oggi l’Italia ha ripristinato i colori che frammentano il territorio imponendo restrizioni diverse a seconda delle situazioni locali.

In aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.