Primo piano

Scomparsi, uccisi, separati: la tragedia dei bambini di Gaza

Uno scenario inquietante quello descritto dall’Agenzia Onu per i Rifugiati palestinesi (Unrwa). Uno di quegli scenari che si riferiscono direttamente ai contesti di guerra, nei quali lo scotto maggiore (spesso nel silenzio) viene pagato dalla popolazione civile. E quello di Gaza non fa eccezione visto che, secondo i numeri riferiti dall’Unrwa, in media 10 bambini al giorno subiscono le conseguenze della guerra. Non in senso figurato, né sul piano prettamente sociale: dieci minori, giornalmente, restano vittime di mutilazioni, soprattutto agli arti inferiori. A rivelarlo, citando dati dell’Unicef, è il direttore Philippe Lazzarini, il quale ha parlato chiaramente di “perdita di una o due gambe” a causa dei bombardamenti su obiettivi civili. Numeri che, peraltro, non includono i minori che, invece, le mutilazioni le hanno subite agli arti superiori.

Bambini dispersi o separati

Ma non è tutto qui. La situazione a Gaza, per quel che riguarda i bambini, ha assunto da tempo contorni di drammaticità. Stando ai numeri forniti da Save the Children, ad esempio, dal mese di ottobre risultano dispersi o uccisi migliaia di minori (almeno 14 mila secondo il Ministero della Sanità di Gaza). Altri 33, tra bambine e bambini, quelli israeliani. Non è nemmeno del tutto chiaro se ve ne siano tra gli ostaggi ancora prigionieri di Hamas. Il dramma, tuttavia, si estende anche alla sfera familiare. Solo nel corso delle operazioni di sfollamento da Rafah, infatti, numerosi bambini sarebbero stati separati dai genitori, i quali andrebbero quindi ad allungare il conteggio di quelli dispersi o scomparsi dall’inizio del conflitto (21 mila in totale, tra i quali 17 mila tra non accompagnati o separati).

L’appello

Save the Children ha rinnovato il suo appello affinché una tregua nelle ostilità possa essere raggiunta quanto prima, anche al fine di consentire alle famiglie dei bambini dispersi di rintracciare i propri figli o, nei casi peggiori, di recuperarne i corpi. Senza dimenticare come un bambino solo sia di per sé estremamente vulnerabile. In contesti ordinari, figurarsi in scenari di guerra e disperazione.

redazione

Recent Posts

Mattarella: “Italia impegnata per l’Alleanza contro la Fame”

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula…

15 Luglio 2024

Mogadiscio, esplosione in un caffè: aumentano i morti

Nove morti, quattro in più rispetto all'ultimo bilancio. È salito ancora il conteggio delle vittime…

15 Luglio 2024

Pantarotto: “Un presidio per il futuro delle cooperative sociali”

"In Italia, ci sono circa 6.500 cooperative sociali che gestiscono case di riposo, RSA, assistenza…

15 Luglio 2024

Attentato a Trump, il Secret Service: “Agito rapidamente”

È stato più volte ringraziato, il team del Secret Service americano, per essere intervenuto tempestivamente…

15 Luglio 2024

Papa a 6 congregazioni: “Il futuro è in Asia, Africa e America”

Papa Francesco ha incontrato i partecipanti ai Capitoli Generali di alcune Congregazioni religiose, ponendo loro…

15 Luglio 2024

Sanità: tredici Regioni italiane promosse sui Lea

I dati del Nuovo Sistema di Garanzia, presentato dal ministero della Salute, ha rilevato la…

15 Luglio 2024