Save the Children: in Ucraina distrutte 83 scuole, oltre 5 milioni di bambini senza istruzione

Il 43% degli attacchi alle scuole ha avuto luogo nell'Ucraina orientale, 869 istituti (il 6% del totale nel Paese) sono stati danneggiati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:06
profughi
Kiev 26/02/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: palazzo distrutto ONLY ITALY

Dal 24 febbraio, quando è iniziato il conflitto, in Ucraina sono state danneggiate 869 scuole (il 6% di tutte quelle presenti nel Paese) e 83 edifici scolastici , di cui 50 a Kharkiv, sono stati completamente distrutti, fa sapere Save the Children, e 5,5 milioni di bambini sono rimasti senza istruzione. Ventidue scuole attaccate in media ogni giorno. Secondo l’organizzazione umanitaria, circa il 43% degli attacchi ha avuto luogo nell’Ucraina orientale.

Walsh (Save the Children): “Istruzione sotto attacco”

“L’istruzione è sotto attacco in Ucraina – afferma Pete Walsh, Direttore di Save the Children in Ucraina – Tutti gli studenti e gli insegnanti devono essere protetti dagli orrori di questa guerra. Le scuole dovrebbero essere luoghi di apprendimento sicuri per i bambini, sempre libere da attacchi. L’apprendimento non può e non deve essere messo da parte in tempi di crisi, è fondamentale per la protezione, la sopravvivenza e il futuro dei minori. L’accesso a un’istruzione sicura fornisce ai bambini stabilità e organizzazione durante un’emergenza. Questo conflitto, in corso da otto anni in alcune parti del Paese, ha compromesso l’istruzione dei bambini e ha causato il danneggiamento o la distruzione di centinaia di scuole. Questa guerra sta andando fuori controllo. È insopportabile vedere scuole e asili nido attaccati indiscriminatamente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.