San Donato Milanese, bus incendiato: la pena inflitta a Sy

La pena esemplare decisa dal giudice per Ousseynou Sy che nel marzo dello scorso anno ha dirottato e poi incendiato un bus che trasportava una scolaresca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

La Corte di Assise di Milano ha condannato a 24 anni di carcere Ousseynou Sy, il 47enne che nel marzo dell’anno scorso, a San Donato Milanese, ha dirottato e incendiato un autobus con a bordo una scolaresca di 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella, tutti messi in salvo dai carabinieri. I giudici hanno accolto la richiesta della procura e hanno disposto nei confronti dell’imputato il versamento di provvisionali in solido con Autoguidovie e il Ministero dell’Istruzione di quasi 2 milioni di euro.

In particolare è stato disposto il versamento di 25 mila euro per ognuno degli studenti presenti sul bus – fatta eccezione per uno di loro che non ne ha fatto richiesta – e di 3 mila euro per ciascuno dei genitori. Sy dovrà versare anche una provvisionale di 35 mila euro ad uno professori, 25 mila euro al secondo professore e 25 mila euro alla bidella, 10 mila euro al Comune di Crema, che si è costituito parte civile. Sy dovrà versare 150 mila euro di provvisionale a Autoguidovie. La sentenza prevede anche l’interdizione perpetua del condannato, che ha ascoltato in silenzio la lettura del dispositivo, e appena espiata la pena, la misura di sicurezza della libertà vigilata per altri tre anni. Le motivazioni della sentenza saranno depositate in novanta giorni.

I reati

La Corte di Assise di Milano nel condannare a 24 anni di carcere Sy, ha riqualificato il reato di strage aggravato dalla finalità del terrorismo in attentato con finalità del terrorismo. Si è quindi passati dall’ipotesi di un reato contro l’ordine pubblico a un reato contro la personalità dello Stato.

Le dichiarazioni della difesa

“Prendiamo atto della sentenza. A nostro avviso non ci sono né la strage né il terrorismo. Leggeremo le motivazioni e faremo ricorso in appello”, ha dichiarato l’avvocato Giovanni Garbagnati, difensore di Ousseynou Sy.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.