MARTEDÌ 28 LUGLIO 2015, 000:15, IN TERRIS

ROMA KAPUTT

LUCA LA MANTIA
ROMA KAPUTT
ROMA KAPUTT
Ignazio Marino cerca di rimettere in piedi ciò che resta della sua amministrazione comunale e di Roma. Una città diventata l'ombra di sé stessa, annegata nel degrado, nei rifiuti e nelle rovine, non solo archeologiche. Incapace di reggere il confronto con le grandi capitali mondiali e nemmeno con Milano, storica rivale divenuta all'improvviso gioiellino di Expo: ricca, pulita, moderna e internazionale. In tutto questo c'è un po' di cipria bisogna dirlo. La stessa che manca alla Capitale dai tempi di Veltroni, quando feste del Cinema e notti bianche riuscivano a nascondere le rughe di una metropoli già sul viale del tramonto. L'operazione del sindaco si trasforma, allora, nell'ultimo round di una giunta nata male e che rischia di finire peggio, trascinando nel baratro l'Urbe.

L'ultimo affondo è arrivato dal New York Times, il più importante giornale del pianeta, che ha dettagliatamente descritto il declino di Roma e la scarsa popolarità goduta da Marino. Il sindaco, da parte sua, ha provato a ridimensionare l'entità della figuraccia, "sono le opinioni del giornalista" ha detto. Può essere, ma che la Città Eterna versi in uno stato pietoso è una verità incontrovertibile. Così come è reale la crisi politica attraversata dalla sua amministrazione. I malumori di Matteo Renzi e di alcuni elementi di spicco del Pd romano si fanno sempre più pressanti e la possibilità di un intervento di Palazzo Chigi sul Campidoglio resta viva, nonostante il lavoro da ragno tessitore svolto da Matteo Orfini per cercare di ricucire lo strappo. Ieri il premier, a sorpresa, si è recato alla Festa dell'Unità di Roma ma non ha parlato dal palco. Si è intrattenuto con i militanti a cui ha anche chiesto un parere su Marino. Gli interlocutori, come da previsione, si sono divisi e il capo del governo ha commentato: "Non riapriamo il dibattito". A testimonianza di quanto siano freddi i rapporti fra i due.

Il sindaco, azzerato il cda di Atac e ottenute le dimissioni dell'assessore di Guido Improta, non è potuto così arrivare all'appuntamento con in mano la nuova giunta. La squadra è stata presentata oggi. Tra le new entry c'è anche Luigina Di Liegro: nipote di don Di Liegro, fondatore della Caritas diocesana di Roma, già assessore nella giunta regionale guidata da Piero Marrazzo. A lei è stata assegnata la delega al Turismo. Il ruolo di vicesindaco e di assessore al Bilancio va al deputato dem Marco Causi; Marco Rossi Doria alla Scuola al posto di Paolo Masini; Stefano Esposito ai Trasporti.

Quest'ultimo avrà subito una grossa gatta da pelare: la gestione della rivoluzione in Atac annunciata dopo il caos trasporti che, tra guasti e scioperi bianchi da un mese sta sfiancando i romani. Una situazione che ha spinto il prefetto di Roma Franco Gabrielli a precettare autisti e macchinisti per scongiurare uno sciopero di 24 ore indetto per ieri. I conducenti di bus e metro sono sul piede di guerra e per mercoledì hanno organizzato una manifestazione-assedio al Campidoglio per ribadire che i disservizi non sono colpa loro.

Come ha ribadito in un video divenuto subito virale Christian Rosso, giovane autista poi accusato dall'azienda di aver contravvenuto il codice etico. Rosso si è ripreso mentre si recava al lavoro per mostrare ai cittadini la carenza di mezzi con cui lui e i suoi colleghi devono far fronte ogni giorno. E ha sciorinato le cifre aziendali: dalla buonuscita da 1,2 milioni percepita dall'ex Ad ai "finti scioperi" del venerdì sino alla discrepanza, in termini di personale, tra i pochi che lavorano sui bus e i tanti assegnati agli uffici. Una fotografia scattata poche ore prima della tabula rasa imposta dal sindaco a cui è seguita un'altra batosta: il lancio della campagna #Romasonoio da parte dell'attore Alessandro Gassmann. Un invito, rivolto ai residenti, a riprendersi la città pulendola in modo da costringere l'amministrazione "a svegliarsi". Marino, ignorando il reale senso del messaggio partito dall'attore, lo ha ringraziato. Chissà, magari è vero che viene da Marte.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...