Matera: ritrovato morto il bimbo di 3 anni scomparso ieri

Il cadavere è stato trovato nei pressi della foce del fiume Bradano dai cani molecorlari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:10
Il piccolo Diego

E’ stato ritrovato morto il bimbo di 3 anni che ieri si era allontanato dalla casa in cui viveva coi genitori, a Metaponto di Bernalda, in provincia di Matera. Il piccolo Diego sarebbe uscito in un momento di distrazione e non è più ritornato.

La ricostruzione

Ieri mattina, 27 marzo, il bimbo stava giocando all’aperto insieme al cagnolino di famiglia. Si è poi allontanato dall’abitazione e nei primi momenti i genitori avevano pensato che si fosse allontanato di poco, nelle vicinanze della casa. Pochi minuti dopo, non trovandolo più, hanno lanciato l’allarme alle forze dell’ordine. Le ricerche sono state avviate subito anche grazie all’utilizzo dei droni, ma senza esito. In seguito, quando aveva cominciato a piovere e la temperatura si era notevolmente abbassata, i sommozzatori dei Vigili del fuoco hanno ispezionato il fiume Bradano, ma senza esito. Le ricerche sono andate avanti tutta la notte, fino a quando stamani i cani molecolari hanno ritrovato il cadavere del bambino. Era stato il cagnolino di famiglia a condurre già ieri le ricerche verso la zona impervia del Bradano, dove poi i cani molecolari guidati dai Carabinieri del Centro cinofili di Firenze, hanno ritrovato il cadavere riverso in un canneto che costeggia il letto del fiume. “Una tragedia senza senso che spezza in due il cuore di tutti noi. E’ stata – ha scritto il sindaco di Bernalda, Domenico Tataranno, su Facebook – una sfortuna immensa”. “In questo momento, già tragico per l’emergenza coronavirus, siamo tutti increduli e solo in un secondo momento valuterò la possibilità di proclamare il lutto cittadino” sono le parole scritte dal primo cittadino che ieri, fin dai primi momenti, aveva partecipato alle ricerche del bambino. Stamani il sindaco si è recato sul posto ed ha portato il conforto di tutta la comunità bernaldese ai genitori del bambino, che sono imprenditori agricoli di origine campana e che abitano in contrada Marinella al confine con la provincia di Taranto. Il piccolo frequentava l’asilo nella vicina Marina di Ginosa (Taranto). E ieri alle ricerche hanno partecipato anche numerose persone di Ginosa. Ma l’esito è stato tragico. Si attende ora il risultato delle analisi sul corpicino per scoprire l’esatta causa della morte.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.