SABATO 29 OTTOBRE 2016, 18:35, IN TERRIS

Renzi in piazza: "Il nostro destino non è litigare, ma cambiare Italia'

E' il messaggio del Premier dal palco della manifestazione a Roma per il Sì al referendum

MILENA CASTIGLI
Renzi in piazza:
Renzi in piazza: "Il nostro destino non è litigare, ma cambiare Italia'
"La piazza è del popolo" è la scritta che campeggia sul palco di piazza del Popolo (a Roma) durante il comizio del Pd per il Sì al referendum di oggi. "Come sono belle le riunioni in streaming - esordisce Matteo Renzi dal palco - ma quanto è bello tornare ad abbracciarsi in piazza. Il nostro destino non è litigare al nostro interno ma cambiare l'Italia".

Il Premier parte parlando dell'Italicum: "non abbiamo aperto ma spalancato le porte. Ora - sottolinea - non si usi la legge elettorale come alibi perché siamo pronti a cambiarla. Il punto non è più questo ma è se vogliamo continuare a guardare soltanto la nostra storia o ci va di parlare finalmente del futuro del Paese". "Tocca a noi - dice ancora - decidere se costruire il futuro o fare come quando passa il treno e non si sale: per paura, per pigrizia, per ritardo. Noi ci dobbiamo salire sul treno e guidarlo".

"Perchè si dice di No? - riferendosi a quanti, nello schieramento di Governo sono contrari al Sì - Perché non l'ho pensata io, sostiene la vecchia guardia che dice 'se la scrivevamo noi sarebbe stata meglio'; può darsi, il punto è che non l'hanno scritta, l'hanno discussa, contestata, chiacchierata, digerita e poi si sono dimenticati di scriverla. Il fatto che voi avete fallito non vuol dire che dovete far fallire noi". Poi l'attacco diretto al collega: "D'Alema ha detto parole sugli anziani che vorrei fossero parole scappate per sbaglio. Il punto è un altro, come mi ha detto qualche sindacalista dei pensionati che è qui: 'noi votiamo sì, perché li abbiamo visti all'opera'". D'Alema aveva detto che avrebbero votato per il Sì "Prevalentemente, soltanto le persone molto anziane forse perché hanno maggiori difficoltà a comprendere il contenuto di questa riforma sbagliata".

Dal palco capitolino Renzi non risparmia i 5 stelle: "Noi siamo quelli che non dicono "Vaffa", ma provano insieme a fare una proposta per il futuro del paese, la politica che non vuole solo insultare. Va bene la parola d'ordine onestà - ha detto ancora - è la nostra ma il nostro destino è cambiare l'Italia, la politica deve essere concreta, competente. Non basta dire 'onestà, onestà'". Sulla Ue il Premier evidenzia che "l'Europa sembra aver perso l'anima. Chiedo a voi, al Parlamento, la forza di una battaglia che non è demagogica e populista contro l'Europa ma per restituire anima all'Europa".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Il luogo dell'esplosione
MOLOTOV CONTRO LA POLIZIA

S'indaga anche negli ambienti ultras

Il commissariato Prati gestisce il servizio d'ordine durante le partite all'Olimpico
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)