DOMENICA 27 NOVEMBRE 2016, 17:39, IN TERRIS

Renzi: "Il referendum ha una ricaduta sul governo ma niente giochi"

EDITH DRISCOLL
Renzi:
Renzi: "Il referendum ha una ricaduta sul governo ma niente giochi"
Ad una sola settimana dal voto, il premier Renzi afferma: "Una 'ricaduta' del referendum sul governo certo che c'è, è evidente. E' evidente che non possiamo avere un Paese fermo a galleggiare. Non sto a far politica per aggiungere una riga al curriculum vitae. Io non sto a vivacchiare e galleggiare nei giochini. Io non sono come tanti". Da Torino, in un'iniziativa per il Sì, il Presidente del Consiglio ribadisce: "Il governo tecnico non lo posso scongiurare io, lo dovete scongiurare voi con il Sì. Il rischio c'è, è evidente. Mario Monti, l'ideologo e capo dei governi tecnici - sottolinea -, ha detto che ho fatto troppi bonus fiscali. Il punto è che non è che si può votare di Sì perché uno alza le tasse e poi dire No se si abbassano".

E' "molto serio, di buonsenso e giusto" l'invito di Sergio Chiamparino a "mettere mano al Pd. Su questo dovremo iniziare dal 5 dicembre. Ma da qui a domenica prossima dobbiamo raccontare casa per casa che questo referendum non è il congresso del Pd. Non sappiamo - ha aggiunto il premier - cosa accadrà il 5. Gli elementi di natura politica ci sono, è innegabile. Ma dal punto di vista costituzionale l'alternativa è tra Sì e Mai". "Il referendum non è su di noi e non è sul governo", ribadisce Renzi, che ha poi proseguito: "Se dovessimo guardare i numeri dei partiti saremmo spacciati, considerando che il Pd ha il 35% e poi qualcuno del Pd non vota... saremmo 35% a 65%. Certo è una partita difficile, ma tanti non del Partito hanno voglia di un Paese più semplice, più tranquillo: ragioniamo con le persone. E' una grande occasione per semplificare il sistema. Non dipende dai partiti, ma dai cittadini".

Renzi è anche intervenuto a Domenica Live. Alla domanda: "Dopo una campagna referendaria dai toni così accesi, si potrà ricucire lo strappo tra le forze politiche?", il premier ha risposto: "Sì, ma certo. Dobbiamo smettere di parlare male degli altri. Mi accusavano di essere filo berlusconiano perché non attaccavo Berlusconi. Grillo ha detto che siamo 'serial killer', una 'scrofa ferita'. Ma il 5 dicembre l'Italia tutta insieme dovrà andare avanti. Secondo me è meglio se potrà andare avanti più veloce. Ma se resta così comunque si deve andare avanti insieme".

Va ricordato che quello del 4 dicembre, essendo un referendum costituzionali, non è necessario il raggiungimento del quorum: la riforma, quindi, passerà semplicemente se i voti a favore saranno più di quelli contrari.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"