Re Carlo arriva a Buckingham Palace: la folla lo acclama

Il nuovo re è arrivato nel palazzo per prendere formalmente possesso del trono ereditato dalla regina Elisabetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12

Vestito con l’abito scuro del lutto, re Carlo è giunto a Buckingham Palace per prendere formalmente possesso del trono ereditato dalla regina Elisabetta, morta ieri a Balmoral. Il nuovo sovrano è stato accolto dalla folla che si era accalcata dietro le transenne in prossimità dell’ingresso e si è fermato a scambiare parole e strette di mano con diverse persone. Per lui sorrisi, auguri e messaggi di cordoglio.

L’arrivo di Carlo a Buckingham Palace

Carlo ha dapprima avvicinato la gente assiepata fuori da solo, mentre la consorte Camilla restava alla sue spalle ad alcuni metri di distanza, come a voler lasciare la scena a lui in questo momento di passaggio. Poi la coppia, ormai coppia reale, si è riunita per passare in rassegna dinanzi alla cancellata i mazzi di fiori e i messaggi lasciati a migliaia nelle scorse ore da sudditi e ammiratori in memoria della regina Elisabetta. Non sono mancate grida di “urrà” e invocazioni “God save the King” dalla piazza in direzione del re entrante, il quale alla fine ha imboccato a piedi il percorso d’ingresso verso il palazzo fianco a fianco con la regina consorte. La giornata – a differenza del clima grigio e tempestoso di ieri, nelle ore dell’annuncio della morte di Elisabetta II – è illuminata oggi da squarci di sole; mentre la presenza delle persone attorno a Buckingham Palace resta massiccia. Carlo, dopo essere sbarcato a Londra con un volo speciale da Aberdeen, dove era arrivato dopo la veglia delle ore precedenti dinanzi al feretro di sua madre nella residenza scozzese di Balmoral, ha raggiunto il palazzo in corteo, a bordo di una Rolls Royce reale d’epoca con Camilla.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.