Rapporto Svimez su imprese e Covid – 19: il 15% è a rischio chiusura

Il campione di imprese analizzato in questo studio ha evidenziato che - a causa della crisi economica innescata dalla pandemia - 73200 imprese sono a rischio chiusura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

È stato pubblicato in data odierna il rapporto redatto in sinergia da Svimez e Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne – Unioncamere in relazione allo stato di salute delle imprese italiane nell’emergenza Covid – 19.

Campione analizzato e fragilità strutturali evidenziate dalla pandemia

Tanto premesso – da questo studio effettuato su un campione di  4000 imprese manifatturiere e dei servizi avente un personale impiegato che oscilla tra le 5 e le 499 unità – è emerso che le aziende che corrono il rischio di chiusura più elevato sono quelle che hanno difficoltà a resistere alla selezione operata dalla pandemia a causa di una fragilità strutturale dovuta alla mancanza di digitalizzazione, export, innovazione e ad una previsione economica negativa per l’anno in corso.

Il 15 % delle imprese a rischio chiusura

In ultima istanza si ricorda che – in Italia – le imprese che hanno in organico tra i 5 e i 499 addetti e rischiano di chiudere i battenti per la crisi economica sono 73200 – ovvero il 15% della totalità delle stesse – di cui 17.500 sono ubicate nel Centro Italia, 19.900 al Sud e la restante parte nel Nord del Paese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.