VENERDÌ 30 GIUGNO 2017, 17:37, IN TERRIS

Punire il cliente della prostituzione: arriva il sostegno della Cisl

Nel corso del Convegno nazionale del sindacato, è stata rilanciata la campagna "Questo è il mio Corpo" della Comunità Papa Giovanni XXIII

FEDERICO CENCI
Punire il cliente della prostituzione: arriva il sostegno della Cisl
Punire il cliente della prostituzione: arriva il sostegno della Cisl
“Serve una legge che punisca i clienti. Serve fermare la domanda: chi va con una prostituta deve pagare come chi la sfrutta”. Anche la voce di Anna Maria Furlan, segretario della Cisl, si unisce a quella della Comunità Papa Giovanni XXIII, che da tempo invoca un intervento legislativo per strappare alla radice il problema dello sfruttamento sessuale.

Della questione se n’è parlato stamattina a Roma, in occasione del Congresso nazionale della Cisl. In una sessione dedicata alla prevenzione della violenza sulle donne, sono intervenuti anche don Aldo Buonaiuto, direttore di In Terris e membro della Comunità Papa Giovanni XXIII, il sottosegretario alla Presidenza con delega alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi, e Lucia Annibali, consigliere giuridico della Boschi, reduce da un’esperienza drammatica, nel 2013 fu sfregiata con l’acido da due sicari del suo ex fidanzato. A moderare il dibattito, la presentatrice Rai Lorena Bianchetti.

I numeri del fenomeno prostituzione in Italia


Le donne costrette a vendere il proprio corpo in Italia sono centomila. Il 65 per cento è rappresentato dalle cosiddette “lucciole”, ragazze che si prostituiscono lungo le nostre strade. Il 37 per cento ha tra i tredici e diciassette anni. “Con la recente emergenza profughi - si legge sul sito della Comunità Giovanni XXIII - le organizzazioni criminali hanno trovato nuove opportunità per reperire, condizionare e introdurre in Italia le vittime del mercato della prostituzione”.

Il giro di denaro è impressionante. Nel suo intervento, don Aldo Buonaiuto ha rammentato che dietro questo fenomeno “c’è un’ industria, un business che frutta novanta milioni di euro al mese, in cui troppi ipocriti definiscono questo scempio un ‘lavoro’”.

La proposta di legge Bini


Numeri che danno la misura di un fenomeno che la proposta di legge Bini ha l'obiettivo di arginare. In che modo? Seguendo il modello legislativo di alcuni Paesi del Nord Europa, ossia punendo con multe fino a diecimila euro il cliente dello sfruttamento sessuale. Anche l’Unione Europea ha sollecitato gli Stati membri a muoversi in questo senso, “per togliere così alle organizzazioni criminali - spiega la Comunità Giovanni XXIII - la fonte di guadagno e per combattere lo sfruttamento di persone vulnerabili”.

"Questo è il mio Corpo"


La Comunità Papa Giovanni XXIII ha lanciato una campagna intitolata “Questo è il mio Corpo”, una raccolta di firme per sostenere il testo della deputata del Pd Caterina Bini. Si tratta di una proposta in controtendenza, visto che la maggior parte del dibattito in questa fase storica propende verso la regolamentazione della prostituzione. E si tratta anche di una proposta coraggiosa, perché si stima che siano oltre tre milioni gli italiani che sfruttano questo mercato, ognuno dei quali è anche un elettore.

Pertanto in questa battaglia è fondamentale il sostegno del terzo settore e della società civile. E le parole di Anna Maria Furlan rappresentano - come afferma Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXII - “una tappa importante nella nostra battaglia per la liberazione di tante donne sfruttate sessualmente, battaglia che don Benzi ha iniziato oltre venticinque anni fa”.

Secondo Ramonda, “ci voleva un segretario donna, col suo genio femminile, per comprendere l'importanza di una battaglia di civiltà, etica e morale, che coinvolge la società nel suo intero. Non esiste una violenza di serie A o di serie B, la violenza che subiscono le donne che si prostituiscono è violenza di genere”.

Le testimonianze


Se serviva una conferma del calvario che si nasconde dietro ogni ragazza sfruttata, che vende il suo corpo come merce sui marciapiedi, durante la sessione di oggi ne sono arrivate due. Sono le testimonianze di due donne, una africana e un’altra dell’Europa dell’Est, accolte dalla Comunità Giovanni XXIII. Le loro storie hanno toccato i cuori della platea. E hanno convinto tanti a sostenere la campagna “Questo è il mio Corpo”.

***

Qui è possibile vedere e ascoltare gli interventi nel corso della sessione sulla prevenzione della violenza delle donne durante il Congresso della Cisl.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Benton, l'ingresso dell'istituto scolastico teatro della sparatoria
USA | KENTUCKY

Sparatoria in una scuola superiore: 2 morti e 19 feriti

L'episodio è avvenuto nella cittadina di Benton: la polizia ha fermato uno studente 15enne
Funerale di Dolores O'Riordan, Ballybricken (Irlanda) - © Press Association
IRLANDA

Il commosso addio a Dolores O'Riordan

Si è svolto il funerale della cantante. Il sacerdote: "Ora canta nel coro celeste"
Il Parlamento europeo (repertorio)
BREXIT

Come saranno ripartiti i seggi Uk

Approvata la risoluzione per la ridistribuzione. Cinque in più a Spagna e Francia, tre all'Italia
Khalid Batarfi
GERUSALEMME CAPITALE

Al Qaeda ordina
di colpire ebrei e americani

Khalid Batarfi: "Quella di Trump è una dichiarazione di guerra crociata"
Matteo Salvini
ELEZIONI

Salvini rivendica il "no" all'Euro

Il segretario della Lega aggiunge: "Siamo preoccupati per la scomparsa dei nostri valori"
Tsai Ing-wen, presidente di Taiwan
TAIWAN

Tsai Ing-wen: "Un attacco cinese? Non è da escludere"

La leader di Taipei: "Se Pechino ci metterà sotto pressione troveremo un modo per resistere"
Terremoto nel Golfo dell'Alaska
PACIFICO

Terremoto di 7.9 in Alaska, rientrato l'allarme tsunami

Non si registrano danni a cose o persone. Sisma avvertito anche nel Canada occidentale
Aerei EasyJet e Alitalia
ALITALIA

EasyJet e Wizz Air ammettono: "Interessati all'acquisto"

Ma la compagnia ungherese punta solo su tratte a breve-medio raggio