In Perù il Covid ha reso orfani circa 98mila bambini

In Perù il Covid ha reso orfani 98.000 bambini. E' la Nazione con il maggior numero di morti al mondo in rapporto alla popolazione totale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:46
Bambina peruviana (Foto: Unicef)

In Perù l’epidemia di Covid-19 in meno di due anni ha reso orfani circa 98.000 bambini. Lo ha annunciato il governo del Paese sottolineando come il Perù sia la Nazione con il maggior numero di morti al mondo in rapporto alla popolazione totale.

Il Perù infatti, ha il più alto tasso di mortalità al mondo per Covid con 6.122 decessi per milione di abitanti. Il Paese sudamericano, che sta attraversando la sua terza ondata epidemica, ha contato oltre due milioni di infezioni da coronavirus e oltre 202.900 morti su una popolazione di soli 33 milioni di abitanti e nonostante la bassa densità: 25,71 abitanti per chilometro quadrato (nel 2020). L’Italia, ed esempio, ne ha 196.

Durand: “98mila bambini hanno perso un genitore”

“Il nostro purtroppo è il Paese che conta quasi 98mila bambini che hanno perso il padre, la madre o il loro tutore durante la pandemia”, ha spiegato la ministra per le Donne, Anahi Durand sulla base dei dati pubblicati dalla rivista medica The Lancet. “Abbiamo questo triste primato”, ha aggiunto Durand.

Il ministero sta attualmente pagando una pensione di 200 sol (circa 50 dollari) a più di 18.000 famiglie, ma il numero dei beneficiari dovrebbe essere ampliato, ha affermato Durand durante una conferenza stampa poi rilanciata tramite Twitter nel canale ufficiale del ministero. Il governo intende erogare la “pensione per orfani” [#PensiónDeOrfandad, ndr] a un totale di 83.664 bambini e adolescenti orfani, oltre al sostegno psicologico ed educativo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.