Papa Luciani, riconosciuto il miracolo: sarà beato

Restò sul soglio pietrino per 33 giorni. Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto sulla guarigione miracolosa di una bambina attribuita alla sua intercessione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:25

Giovanni Paolo I sarà proclamato beato, si attendere di conoscere la data. Papa Francesco ha infatti autorizzato la Congregazione per le Cause dei santi a promulgare il decreto riguardante il miracolo attribuito all’intercessione del Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo I, il Pontefice veneto rimasto sul soglio pietrino 33 giorni.

Il miracolo

Il Santo Padre stamane ha ricevuto in udienza il cardinale Marcello Semeraro e ha autorizzato promulgazione del decreto che riconosce a papa Luciani il miracolo della guarigione, avvenuta il 23 luglio 2011 a Buenos Aires, di una bambina undicenne affetta, riferisce il dicastero, da “grave encefalopatia infiammatoria acuta, stato di male epilettico refrattario maligno, shock settico” e ormai in fin di vita. L’iniziativa di invocare Papa Luciani era stata presa dal parroco della parrocchia a cui apparteneva l’ospedale, riferisce Vatican News, al quale era molto devoto.

La vita

Di umili origini, figlio di un operaio socialista, Albino Luciani, nato il 17 ottobre 1912 a Forno di Canale (oggi Canale d’Agordo), in provincia di Belluno, è stato nominato prete nel 1935 e nel 1958 diventa vescovo di Vittorio Veneto.

Luciani ha partecipato al Concilio Vaticano II, poi nel 1969 Paolo VI lo ha nominato Patriarca di Venezia. Quattro dopo, nel marzo 1973, Luciani è diventato cardinale. Dopo la morte di Paolo VI, il 26 agosto 1978 è stato eletto papa in un conclave durato un solo giorno, col nome di Giovanni Paolo I. Prima di divenire Pontefice era recato in Portogallo al santuario mariano di Fatima e aveva anche incontrato l’ultima veggente sopravvissuta , suor Lucia. Dopo poco più di un mese dalla sua elezione, è morto improvvisamente nella notte del 28 settembre 1978.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.