Il Papa a Elisabetta II: “Condoglianze per la morte del principe Filippo”

Sabato 17 aprile si svolgerà il funerale. Una cerimonia ridotta e molto sobria in stile militare, come richiesto dallo stesso Filippo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02

“Dispiaciuto di aver appreso della morte di vostro marito il principe Filippo, duca di Edimburgo, Sua Santità Papa Francesco esprime le sue sincere condoglianze a vostra maestà e ai membri della famiglia reale”. Lo riporta il telegramma di cordoglio per la morte di del principe Filippo, inviato a nome di Papa Francesco, dal segretario di Stato vaticano, il card. Pietro Parolin, alla regina del Regno Unito, Elisabetta II.

Richiamando “la devozione del principe Filippo al suo matrimonio e alla sua famiglia, il suo primato nel servizio pubblico e il suo impegno per l’educazione e la promozione delle generazioni future”, Papa Francesco lo affida “all’amore misericordioso di Cristo Nostro Redentore”.

Infine, il Pontefice invoca la benedizione di consolazione e pace del Signore “su di voi e su tutti coloro che sono addolorati per la sua perdita nella sicura speranza della risurrezione“.

Come si svolgeranno i funerali del principe Filippo

Quarantuno spari di cannone, a un minuto di distanza, a cominciare da mezzogiorno ora inglese, oltre che a Londra anche a Belfast, Cardiff, Edimburgo, a Gibilterra e sulle navi da guerra della Marina britannica. Così la Gran Bretagna, in questo momento un Paese in lutto, ha ricordato il principe Filippo scomparso ieri in tarda mattinata.

Cerimonia sobria e blindata il 17 aprile

Le bandiere – scrive Sir – saranno a mezz’asta fino a sabato 17 aprile quando – sembra quasi certo – si svolgerà il funerale. Una cerimonia ridotta, secondo le restrizioni anti-Covid, alla quale parteciperanno appena 30 persone. Lo stesso marito della Regina Elisabetta, nel suo testamento, aveva chiesto un funerale modesto di stile militare.

Secondo la stampa britannica accanto al duca di Edimburgo, mentre moriva, c’era la Regina che avrebbe deciso di non farlo ricoverare una seconda volta. Il principe era uscito dall’ospedale a metà marzo dopo una difficile operazione al cuore.

Tributi al marito della sovrana britannica continuano ad arrivare da capi di Stato e leader religiosi di tutto il mondo. Il primate anglicano Justin Welby ha spiegato che la parola chiave per capire la personalità del principe è “servizio”. “Servizio alla corona, servizio al Paese, servizio alla Regina”, ha detto l’ arcivescovo di Canterbury.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.