Palamara (Iss): “Curva in discesa, l’epidemia da Covid è in netto miglioramento”

Il commento dei dati del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di Sanità-Ministero della Salute sull'andamento della pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:57

“La curva epidemica da Covid-19 in Italia appare nettamente in discesa rispetto alle ultime settimane e l’epidemia è in netto miglioramento“, un andamento “presente anche negli altri Paesi europei. In tutte le regioni italiane i casi sono nettamente in diminuzione ed in tutte le fasce d’età, anche tra le più giovani tra 10 e 19 anni”, ha affermato Anna Teresa Palamara, direttrice del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanità, commentando i dati del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento della pandemia.

Sottovariante

La sottovariante BA.2, ha sottolineato Palamara, “è quella assolutamente prevalente”. Inoltre, “resta sostenuto il numero delle reinfezioni, che hanno superato la quota del 6% ma non sono associate ad un aumento dei casi severi”. “Si ribadisce la necessità – ha concluso l’esperta – di rispettare le misure comportamentali raccomandate, soprattutto per le persone più fragili, mentre il completamento del ciclo vaccinale è lo strumento necessario per mitigare l’impatto clinico della malattia”.

Rezza

“Dato il miglioramento della situazione epidemiologica, per passare un’estate tranquilla è comunque bene proteggere soprattutto le persone più anziane e più fragili con la quarta dose vaccinale di richiamo“, ha affermato il direttore Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, commentando, il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento del Covid-19.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.