Covid: Onu chiede aiuti umanitari per 29 miliardi di euro

Onu: "Con il coronavirus, il numero di persone bisognose di aiuti umanitari nel mondo raggiungerà un nuovo record: 235 milioni"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:39
povertà
Logo Onu

Le Nazioni Unite hanno lanciato oggi un appello umanitario record per 35 miliardi di dollari (29 miliardi di euro) di aiuti nel 2021, con la pandemia di Covid-19 che ha fatto precipitare centinaia di milioni di persone nella povertà e per l’incombenza di carestie.

I fondi richiesti dalle Nazioni Unite e dai loro partner mirano ad aiutare circa 160 milioni di persone in 56 Nazioni nel mondo che affrontano fame, conflitti, sfollamenti nonché le conseguenze del cambiamento climatico e della pandemia.

 Aiuti umanitari

Infatti, con lo shock provocato dal nuovo coronavirus, il numero di persone bisognose di aiuti umanitari nel mondo raggiungerà un nuovo record: 235 milioni, un aumento del 40% in un anno secondo i piani di risposta umanitaria coordinati dall’Onu.

Quest’anno, “l’aumento è quasi interamente dovuto al Covid-19”, che ha ucciso almeno 1,46 milioni di persone in quasi un anno [1.468.322, secondo i dati aggiornati della Johns Hopkins University, ndr] ha affermato in conferenza stampa Mark Lowcock, responsabile per gli Affari umanitari dell’Onu. “Il quadro che presentiamo – ha aggiunto – è il più cupo che abbiamo mai presentato in termini di future esigenze umanitarie”. Da qui, l’appello umanitario record.

Coronavirus nel mondo

Prosegue l’escalation di contagi di coronavirus nel mondo. Secondo i dati dell’Oms aggiornati al 30 novembre, sono 496.892 i contagi a livello globale registrati in 24 ore. La nazione che ha fatto segnare il maggior incremento giornaliero sono ancora gli Stati Uniti (oltre 143mila casi), seguiti da Brasile (quasi 52mila) e India (oltre 38mila). Nella lista, al quinto posto, c’è l’Italia con oltre 20mila casi giornalieri e 672 decessi. Seguono Russia, Iran, Regno Unito, Polonia, Germania e Messico. I casi totali di Covid nel mondo da inizio pandemia hanno superato i 62,8 milioni, sempre secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University. I decessi totali confermati, come detto, sono quasi un milione e mezzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.