Oggi i funerali di Camilla Canepa, proclamato il lutto cittadino

Si celebrano oggi alle 16 i funerali di Camilla Canepa, sono in corso indagini a tutto campo per stabilire le cause del decesso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

Verrà celebrato oggi pomeriggio a Sestri Levante, nella chiesa di Sant’Antonio, il funerale di Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni deceduta nove giorni dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca durante un open day.

Indagini in corso

Allo stato attuale, l’autopsia disposta dai pubblici ministeri ed eseguita dai medici Franco Piovella e Luca Tajana, ha confermato il decesso avvenuto in seguito ad una emorragia cerebrale ma non ha ancora chiarito cosa abbia provocato la morte della giovane. In particolare, i pubblici ministeri di Genova Stefano Puppo e Francesca Rombolà hanno richiesto questo esame per capire se Camilla fosse affetta da una malattia autoimmune. In questi giorni gli organi inquirenti coordinati dal procuratore aggiunto Dottor Francesco Pinto ascolteranno tutti i medici che hanno avuto in cura la ragazza a partire da quelli presenti al hub vaccinale fino ai sanitari dell’ospedale San Martino, il medico di medicina generale ed il medico specialista che, un paio di giorni dopo la vaccinazione, ha prescritto un farmaco per la cura di una determinata patologia. Sono in corso indagini a tutto campo condotte dai militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanità dell’Arma dei Carabinieri per far luce su ogni elemento di questa vicenda.

Proclamato il lutto cittadino

L’amministrazione comunale di Sestri Levante ha proclamato per oggi una giornata di lutto cittadino e la popolazione ha espresso la propria vicinanza alla famiglia della defunta con un minuto di silenzio e, a tal proposito, i familiari di Camilla, hanno espresso l’auspico che, la cerimonia funebre di oggi, possa essere un momento privato senza la partecipazione di giornalisti e media.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.