La nuova variante di Omicron si chiama Centaurus: 290 casi nel mondo

Isolati nel mondo 290 casi della nuova sottovariante. Gli esperti temono che possa essere più trasmissibile di Omicron

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:29

E’ stata ribattezzata con il nome di Centaurus la sottovariante indiana BA.2.75: si tratta di una mutazione di Omicron. L’allarme arriva dalla Gran Bretagna dove gli esperti sono molto preoccupati per questa nuova versione del virus che stanno assistendo da lontano agli effetti che Centaurus sta provocando in India, dove nelle scorse settimane è stata studiata nel dettaglio dopo numerosi casi registrati.

La variante

Centaurus è stata individuata per la prima volta in Asia nel mese di maggio, successivamente è arrivata in Europa fino alla Germania e alla Gran Bretagna. Secondo i primi dati, la nuova sottovariante potrebbe essere più trasmissibile o associata a malattie più gravi, ma al momento gli esperti dicono che non ci sono abbastanza dati a sostegno di questa tesi.

I casi

Fino a ieri, i casi di sottovariante BA.2.75 isolati nel mondo erano 290. Oltre l’82% delle sequenze depositate nel database GISAID provengono dall‘India, nella quale, a partire da inizio giugno, sono state depositate 239 sequenze del virus, pari a quasi il 4% dei virus isolati nel Paese tra il 14 giugno e il 5 luglio. I casi rimanenti sono stati rilevati in altri 14 Paesi: 14 nel Regno Unito, 9 in Usa, 6 in Nuova Zelanda, 4 in Canada, 4 in Indonesia, 3 in Giappone, 2 in AustraliaGermania Nepal, 1 in DanimarcaLussemburgoMartinicaOlanda Turchia. I dati, estratti dalla database GISAID, sono stati diffusi su Twitter da Raj Rajnarayanan professore alla Arkansas State University.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.