Primo piano

Nomine Rai al rush finale: si decide il calendario

Attesa per la riunione dei capigruppo di Camera e Senato per stabilire le nomine Rai. Una partita che, come sempre, sarà decisiva per capire l’influenza delle forze politiche ma che, anche stavolta, lascia molte incognite sui nomi in rampa di lancio.

Nomine Rai, vertice per le date

Si scaldano i motori per le nomine ai vertici delle partecipate, a partire dalla Rai. Domani sono fissate le riunioni delle capigruppo di Camera e Senato che dovranno decidere il calendario di luglio e dovrebbero quindi fissare la data dell’elezione dei quattro consiglieri della tv pubblica di spettanza parlamentare. C’è un accordo di massima nella maggioranza, nonostante alcuni aspetti siano ancora da definire, e, secondo le indiscrezioni della vigilia, si dovrebbe andare al voto entro le prime due settimane del prossimo mese.

Lo scenario

A creare qualche incertezza è la pronuncia del Consiglio di Stato, attesa il 4 luglio, sul ricorso presentato da quattro candidati al cda, Nino Rizzo Nervo, Patrizio Rossano, Stefano Rolando, Giulio Enea Vigevani, che, dopo essersi rivolti al Tar, hanno deciso di presentare appello all’organo superiore. Secondo i ricorrenti, il sistema delle nomine Rai presenterebbe profili di illegittimità costituzionale ponendosi in contrasto con l’European Media Freedom Act, il regolamento europeo che impone a tutti i servizi pubblici radiotelevisivi indipendenza nella governance e trasparenza nelle nomine. E’ possibile, dunque, che si attenda quella pronuncia per procedere, ma non è escluso che si voglia chiudere la partita già la prossima settimana.

I nomi

Tra i consiglieri di nomina parlamentare, Fratelli d’Italia sarebbe orientato a votare Valeria Falcone, mentre il Movimento 5 Stelle dovrebbe confermare Alessandro Di Majo. La Lega dovrebbe optare per Alessandro Casarin, anche perché sulla candidatura di Antonio Marano potrebbe pesare l’inopportunità di un doppio incarico, che si andrebbe ad aggiungere a quello di direttore commerciale di Milano-Cortina 2026. Il Pd dovrebbe sciogliere la riserva solo a ridosso dell’elezione: al momento sia il non voto, come segnale per spingere verso la riforma della governance, che l’indicazione di uno dei nomi che si sono autonomamente candidati vengono considerate solo come ipotesi. Si fanno, tra gli altri, i nomi di Roberto Natale, che sarebbe gradito anche ad Avs, e di Antonio Di Bella, da più parti ritenuto un candidato spendibile anche come presidente di garanzia.

I potenziali vertici Rai

Al momento l’accordo è che al timone dell’azienda vada come amministratore delegato Giampaolo Rossi, in quota Fratelli d’Italia, che dovrebbe essere indicato dal Mef insieme a Simona Agnes, come consigliera candidata alla presidenza in quota Forza Italia. Il centrodestra dispone di 24 voti in Commissione di Vigilanza e filtra ottimismo sulla possibilità di raggiungere i 28 voti necessari per il raggiungimento dei due terzi delle preferenze (si spera nel sostegno dei due esponenti di Italia Viva, Maria Elena Boschi e Dafne Musolino, e di Dieter Steger, esponente di Sudtiroler Volkspartei, iscritto al Misto).

Il match delle nomine

I giochi, comunque, sono aperti e la Lega, di fronte a questo scenario, potrebbe pretendere qualche contropartita, rivendicando ad esempio per sé il ruolo di direttore generale della tv pubblica, che nei giorni scorsi l’attuale Ad Roberto Sergio ha rivelato di essere a lui destinato. È evidente, però, che la partita si giocherà su più fronti, coinvolgendo anche le altre nomine ai vertici delle partecipate. Il tempo stringe perché il 27 giugno verrà riaperta l’assemblea di Cassa Depositi e Prestiti e lo stesso giorno si terrà anche quella di Fs in seconda convocazione. Da decidere anche il successore di Claudio Graziano, scomparso nei giorni scorsi, alla presidenza di Fincantieri.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Mattarella: “Italia impegnata per l’Alleanza contro la Fame”

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula…

15 Luglio 2024

Mogadiscio, esplosione in un caffè: aumentano i morti

Nove morti, quattro in più rispetto all'ultimo bilancio. È salito ancora il conteggio delle vittime…

15 Luglio 2024

Pantarotto: “Un presidio per il futuro delle cooperative sociali”

"In Italia, ci sono circa 6.500 cooperative sociali che gestiscono case di riposo, RSA, assistenza…

15 Luglio 2024

Attentato a Trump, il Secret Service: “Agito rapidamente”

È stato più volte ringraziato, il team del Secret Service americano, per essere intervenuto tempestivamente…

15 Luglio 2024

Papa a 6 congregazioni: “Il futuro è in Asia, Africa e America”

Papa Francesco ha incontrato i partecipanti ai Capitoli Generali di alcune Congregazioni religiose, ponendo loro…

15 Luglio 2024

Sanità: tredici Regioni italiane promosse sui Lea

I dati del Nuovo Sistema di Garanzia, presentato dal ministero della Salute, ha rilevato la…

15 Luglio 2024