MARTEDÌ 09 GIUGNO 2015, 000:15, IN TERRIS

NO GENDER, DIFENDIAMO I NOSTRI FIGLI

CLAUDIA GENNARI
NO GENDER, DIFENDIAMO I NOSTRI FIGLI
NO GENDER, DIFENDIAMO I NOSTRI FIGLI
Il popolo silente ha deciso di urlare, non contro gli omosessuali, non contro i diritti naturali di ogni persona, ma in favore della famiglia e del ruolo che ha nell’educazione dei figli. Migliaia di genitori e di cittadini sono pronti a scendere in piazza il 20 giugno a San Giovanni, Roma, per dire basta alla dittatura del gender, perché l’istituto della famiglia naturale, ormai sempre più ferito e bistrattato perché ritenuto a torto retrogrado e bigotto, deve vedere riconosciuto e promosso il suo insostituibile ruolo sociale. Sono in troppi a non poter permettere che lobby lgtb – che sono una minoranza – diffondano teorie che sfociano nell’anti-scientifico, che indottrinano i bambini disorientandoli nella loro maturazione psico-affettiva. A dare voce a questo popolo è il comitato “Difendiamo i nostri figli”, che non vuole essere un tavolo di lavoro, un momento di riflessione profonda sui cambiamenti della nostra società, ma – come lo definisce il Portavoce Massimo Gandolfini – un “comitato di scopo”, che nasce da un’emergenza: proprio da oggi si inizierà a discutere in Parlamento del Ddl Cirinnà, che è il coronamento di queste teorie, che arriva fino alla legittimazione dell’utero in affitto.

Gender: sempre più spesso se ne sente parlare in tv, radio, palazzi del potere, dove si discute se inserirlo o meno tra le materie scolastiche obbligatorie. E sempre più sembra che il nostro Paese e l’Europa intera sia inclinata verso l’adesione a queste teorie, ritenute liberatorie per “un’umanità che vive da secoli in gabbia”. Se questa è la patina che fanno emergere i media, esiste questa maggioranza – fino a ora – silente, che non la pensa così, che ritiene di avere il diritto di educare i propri figli secondo i valori che ritiene più opportuni, crede nella diversità scientifica del sesso biologico, che non può essere visto come una libera interpretazione. Le famiglie italiane percepiscono chiaramente che il gender non fa altro che traviare l’innocenza dei bambini, appannando gli occhi degli adulti con un falso mito di libertà. Non si può accettare che il fondamento stesso della famiglia, così come riconosciuta dalla Costituzione, sia messo in discussione con tanta facilità dalle ideologie, pronte a sacrificare sull’altere dei diritti civili, il diritto naturale dei bambini di crescere con mamma e papà.

La manifestazione si terrà in piazza San Giovanni, a Roma, il 20 giugno dalle ore 15.30. Un’impresa ambiziosa, quasi ardita, organizzata in pochissimo tempo, ma che nasce da una necessità profonda. Nella conferenza stampa di presentazione è intervenuta anche l’On. Paola Binetti, Udc, che si è mostrata favorevole all’iniziativa, invitando gli organizzatori a fornire ulteriori spazi ai cittadini, ma anche e soprattutto coraggio alle forze politiche, sia a livello di partito che individuale, perché gli uomini che sono dietro le cariche possano essere sensibilizzati e allertati.

“Difendiamo i nostri figli” è un movimento apartitico e aconfessionale, formato da liberi cittadini. È sbagliato pensare che siano legati alla Chiesa cattolica, infatti, nonostante in quest’ultima abbiano trovato un grande sostegno, a partecipare alla manifestazione ci saranno anche islamici, sic, seguaci della chiesa evangelica, ortodossi: sembra che il mondo riesca a superare le diversità religiose in funzione del benessere dei bambini e della tutela della loro infanzia. Poca risposta c’è stata invece dall’associazionismo laico, ma, spiega Gandolfini, “l’invito era aperto e non presupponeva risposte, soprattutto non vuole essere legato a gruppi”, quindi si spera che i singoli cittadini con le proprie famiglie possano raccogliere questa riflessione e agire di conseguenza. Dalle parole ai fatti: tutti in piazza per dire stop ai gender nelle scuole.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"