In soffitta le monetine da 1 e 2 centesimi? L’Europa ci pensa

La Commissione Ue svolgerà una serie di consultazioni che, qualora diano esito positivo, porteranno alla dismissione dei "ramini" a partire da fine 2021

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:39

Non tutti hanno avallato la loro creazione. Anzi, per i più rappresentano più un pezzo da collezione che un denaro utilizzabile. Volenti o nolenti, le monetine bronzate da 1, 2 e anche da 5 centesimi di euro hanno fatto parte della storia della moneta unica. Di taglio così piccolo, però, da farne spesso dimenticare il valore di conio che comunque rivestono. Tanto che, pur se sul tavolo della Commissione europea è comparso il dossier sulla possibile abolizione, allo studio vi sono cause ed effetti. Soprattutto questi ultimi che, naturalmente, la scomparsa di componenti di una valuta potrebbero portare a livello economico. Al momento, si discute proprio di questo: arrivare al 2021 per poi decidere se farne a meno oppure no. Limitatamente alle monete da 0,01 e 0,02 euro.

Le consultazioni

In sostanza, nelle sedi europee si deciderà il destino della Mole Antonelliana e di Castel del Monte, riprodotti fedelmente sul retro delle monete in questione. Bruxelles avvierà delle consultazioni presso istituzioni, autorità pubbliche, industria e società civile, per un totale di 15 settimane. Al termine delle quali, tirerà le somme cercando di capire se la valutazione finale consentirà alle monete di continuare a esistere. “La Commissione – scrive Bruxelles – valuterà attentamente l’impatto economico, ambientale e sociale dell’introduzione dell’arrotondamento dei prezzi”. In caso, la Commissione potrebbe presentare una proposta legislativa per introdurre un regolamento di arrotondamento uniforme per i pagamenti in contante. Procedendo così all’eliminazione del monete di taglio più piccolo.

Cosa accadrebbe senza i centesimi

Posto che i “ramini” resteranno in circolazione e che conserverebbero il loro corso legale anche in caso di dismissione, il cambiamento non dovrebbe portare grossi stravolgimenti. Perlomeno sul piano dell’inflazione. Il bilanciamento dell’arrotondamento avverrebbe sia in difetto (nel caso di valutazioni economiche da 0,01 e 0,02, che porterebbe il prezzo a zero) che in eccesso (con lo 0,03 che significherebbe automaticamente 0,05). Stessa cosa avverrebbe con i 10 centesimi, ai quali si arriverebbe in caso di valutazione fra gli 0,08 e 0,09. Secondo gli esperti, le modifiche non sarebbero sostanziali. I “ramini” potrebbero quindi andare davvero in soffitta. E diventare sul serio dei pezzi da collezione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.