Metsola: “A Kiev per dare messaggio di speranza”

La presidente dell'Europarlamento Roberta Metsola è intervenuta alla Verchovna Rada, il corpo legislativo ucraino, e ha incontrato il primo ministro Denys Shmyhal

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57
Immagine tratta dall'account Twitter del primo ministro ucraino Denys Shmyhal

“Sono a Kiev per dare un messaggio di speranza“, ha scritto su Twitter la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, prima leader dell’Ue a recarsi in Ucraina dallo scoppio della guerra, che oggi è intervenuta al parlamento ucraino, la Verchovna Rada, e ha incontrato il primo ministro Denys Shmyhal.

Resistenza e coraggio

“La resistenza e il coraggio degli ucraini hanno ispirato il mondo. Siamo con voi. Grazie a Ruslan Stefanchuk per l’invito”, conclude ringraziando il presidente del parlamento ucraino. “L’invasione dell’Ucraina è ingiustificata e inaccettabile. Con il primo ministro ucraino Denys Shmyhal abbiamo parlato della necessità di sanzioni sempre più estese. Dobbiamo andare ancora oltre. L’Europa sarà all’altezza”, ha twittato.

Shmyhal: “Segnale potente”

In un tweet in cui ha postato diverse immagini dell’incontro, Shmyhal segnala che la visita di Metsola nella capitale ucraina “è un potente segnale di sostegno politico“. “Discusso il rafforzamento delle sanzioni per fermare l’aggressore – ha scritto -. Ha sottolineato che l’Ucraina è completamente pronta per il prossimo passo sulla strada per l’Ue. Grato per l’aiuto completo!”.

“La presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola nella Verkhovna Rada – ha scritto su Twitter il parlamentare Roman Hryshchuk -. Un atto coraggioso! Grazie per la vostra visita, questo è un messaggio importante per il mondo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.