Maurizio de Lucia nominato procuratore di Palermo

Lo ha stabilito il Plenum del Consiglio superiore della magistratura (Csm) con una decisione presa all'unanimità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:28

Maurizio de Lucia è il nuovo procuratore di Palermo. Lo ha stabilito il Plenum del Consiglio superiore della magistratura (Csm) con una decisione presa all’unanimità. Campano, de Lucia lascia la Procura di Messina.

La carriera

De Lucia, 61 anni, è entrato in magistratura nel 1990. Il primo incarico è in Procura a Palermo nel 1991: anni di esperienza con le indagini sui reati economici, poi dal 1995 le prime applicazioni alla direzione distrettuale antimafia. Nel 1998, l’allora procuratore Giancarlo Caselli lo chiama alla Dda. Sono gli anni delle grandi indagini sugli appalti inquinati, sulle estorsioni, sulla mafia militare azzerata da centinaia di arresti, sui delitti eccellenti (Dalla Chiesa, La Torre) e sui legami tra mafia e politica. E’ de Lucia a coordinare l’inchiesta che porterà alla scoperta di talpe istituzionali in Procura, uomini dello Stato che passavano informazioni a imprenditori mafiosi, favorendo la latitanza di padrini come Bernardo Provenzano, e alla incriminazione per favoreggiamento dell’ex governatore siciliano Salvatore Cuffaro, poi condannato a sette anni. Nel 2009 de Lucia entra in Direzione nazionale antimafia dove coordina le indagini delle dda di Palermo e Caltanissetta. Nel 2017 il Csm lo nomina Procuratore di Messina: decine i blitz contro le cosche dei Nebrodi, la mafia barcellonese e la scoperta del cosiddetto “Sistema Siracusa”. Il consigliere Ciambellini, prima del voto, ha concluso la sua relazione dicendosi certo che quella di de Lucia sarà una “direzione sicura in cui tutti potranno avere fiducia”. Nella discussione è intervenuto anche il consigliere Nino Di Matteo, ex pm a Palermo che, pur ricordando le diverse visioni avute in passato con de Lucia, ha ricordato “la dedizione al lavoro e la grande conoscenza della realtà criminale palermitana” del collega.

Di Lucia: “Grato per nomina condivisa”

“Sono grato al Consiglio superiore della magistratura per una nomina decisa all’unanimità, dunque con la piena condivisione da parte di tutte le sue componenti. Conosco bene Palermo e sono consapevole delle gravi problematiche che mi attendono, proprio per questo spero in tempi brevissimi di poter incontrare i miei nuovi colleghi per iniziare a discutere dei tanti temi che dovremo affrontare, primo tra tutti naturalmente il contrasto a Cosa nostra, in tutte le sue varie forme”, ha detto de Lucia. “In questo momento il pensiero non può che andare ai tanti, troppi, magistrati palermitani, poliziotti e carabinieri che sono caduti per mano mafiosa, la cui memoria cercheremo di onorare con il nostro lavoro in ogni momento”, ha concluso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.